Rocco e i suoi fratelli. Sullo sfondo l’Italia in trasformazione (Geography Notebooks, Vol.4/2, 12/2021)

Ci sono dei film che sono dei saggi di geografia sociale. A patto che non ci si faccia troppo distrarre dalle sole vicende emotive dei protagonisti e si osservino con attenzione anche lo sfondo, gli esterni urbani e/o rurali, i mezzi di trasporto, gli ambienti, gli arredamenti, gli oggetti, gli abiti, le acconciature femminili e maschili. Certo anche la sceneggiatura può essere significativa quando evidenzia tipologie di relazione sociale tra i personaggi che danno indicazioni sulla struttura sociale, su quanto contino le differenze di disponibilità economica, di istruzione, di posizione sociale.

Uno dei film italiani più utili in questo senso è Rocco e i suoi fratelli (1960. Regia di Luchino Visconti), che mostra uno spaccato dell’Italia del Secondo dopoguerra, segnato dalla poderosa emigrazione dal sud al nord del Paese. Nello specifico si racconta la storia di una famiglia della Lucania, composta da una vedova recente e dai suoi quattro figli adulti (solo l’ultimo preadolescente), che raggiunge il quinto, primogenito, già emigrato a Milano.

La sceneggiatura è possente (il film dura quasi tre ore) e i personaggi, tutti di spessore, innescano diverse storie personali interconnesse dal legame famigliare; un legame messo sempre più alla prova dallo ‘spaesamento’ dovuto al trasferimento improvviso da un ambiente ‘marginale’ e tradizionale a quello urbano della ‘capitale’ economica e industriale d’Italia.

L’apparente paradosso è che questo “ritratto amaro e impietoso dell’Italia del boom economico” (Stefano Lo Verme. http://www.mymovies.it) sia stato girato dal conte Luchino Visconti di Modrone (1906-1976), antifascista e comunista fin dagli anni ‘30, ma discendente dal ramo della famiglia Visconti che resse Milano dal 1277 e dominò la scena politica dell’Italia settentrionale fino al 1447.

La pellicola è particolarmente comunicativa, si potrebbe dire ‘basta guardarla!’; resta vero che molto è legato al fruitore, alla sua capacità interpretativa di capire ciò che vede al di là dell’immagine stessa.

In questo film ritenuto controverso, più volte denunciato e soggetto a numerosi tagli di censura, si ritrovano elementi caratteristici della società di origine della famiglia. Ciò risulta particolarmente evidente nelle scene di dialogo, anche perché il regista fece la scelta di far recitare i protagonisti con l’inflessione dialettale meridionale, utilizzando un dialetto semplificato, ‘cinematografico’, molto inusuale all’epoca. Il rimando alle antiche abitudini appare già all’arrivo della famiglia a Milano, quando la madre richiama il figlio maggiore alle proprie responsabilità di sostegno al nucleo familiare, come pure lo critica per il fidanzamento fatto nel periodo del lutto. Analogamente, in un altro momento del film c’è la sequenza dei figli che escono di casa per il lavoro (l’occasionale spalare la neve) e baciano ciascuno la mano della mamma. Nel finale del film, in cui la vicenda tragica di uno dei figli si chiude, la madre si pente di aver portato i figli nella città tentatrice e corruttrice per inseguire il benessere, dove però anche una di basso ceto come lei può dire: “la gente per strada mi chiamava signora”. Ci sono anche scampoli di ‘tradizioni’ come, a cena, il brindisi da fare in rima oppure il racconto del rito del capomastro meridionale prima di cominciare a costruire una casa: gettare una pietra sull’ombra del primo che passa per fare il sacrificio rituale.

Gli esterni urbani sono le periferie simil rurali (ponte della Ghisolfa, Lambrate, il Portello [fabbrica dell’Alfa Romeo] i viali con giovani alberi), dove le strade hanno i paracarri in pietra e si snodano tra campi e orti, mentre l’Idroscalo appare come un luogo abbandonato e mal frequentato. L’ambiente esterno è fatto soprattutto di caseggiati nuovi o in costruzione (con ponteggi di legno) e la nuova casa popolare dove si trasferisce la famiglia è moderna, ma con ringhiera esterna ai piani. Interessante che sia l’anziano guardiano milanese del cantiere edile a suggerire ai ‘terroni’ di smettere di pagare l’affitto dopo due-tre mesi così da ottenere, con lo sfratto, la precedenza nell’assegnazione di una casa popolare del Comune.

Altri squarci di Milano vintage riguardano la darsena, il tetto del Duomo, da cui si vede il caseggiato di fronte non ancora totalmente coperto dalle pubblicità al neon (sono state tolte da anni), il ponte pedonale delle sirene, su cui troneggiano le cosiddette ‘Sorelle Ghisini’ (perché di ghisa), poi trasportate al parco Sempione una volta coperti i Navigli, i vespasiani pubblici (chioschetti in metallo, adibiti a orinatoi maschili) dalla fama un poco equivoca perché sede di incontri poco ortodossi. Fanno la loro comparsa anche alcuni fraseggi ormai scomparsi: la definizione milanese di ‘Africa’ rivolta (con un misto anche di bonarietà) ai meridionali immigrati e alcune gustose frasi in milanese come quella dedicata al personaggio Simone nella palestra pugilistica: “l’è un casciavit ma ga ona bela pappina” (non vale molto, ma ha un pugno potente).

Sempre per quanto riguarda gli esterni sono da notare inoltre i mezzi di trasporto. I treni con cui i protagonisti arrivano a Milano, ad esempio, sono ancora dotati di carrozze di terza classe con porte d’uscita-entrata per ogni scomparto e sedili di legno. All’ingresso in stazione, alcuni addetti provvedono all’immediato lavaggio dei vetri esterni, che effettuano a mano con degli spazzoloni. Il tram, su cui viaggia il bigliettaio, corre invece fra le vie illuminate e le luci delle numerose vetrine, che al primo impatto impressionano particolarmente i nuovi arrivati.

Gli interni sono prevalentemente quelli del seminterrato della prima abitazione, poi le palestre, i bar e la casa popolare. Una sola scena si svolge nella casa di un ricco borghese con mobilia, quadri e soprammobili; quella in cui la sua omosessualità è più esplicitata anche se lasciata all’intuizione (siamo nel 1960, è un argomento super tabù).

Per quanto riguarda oggetti oggi ‘scomparsi’, si possono citare la cartolina rosa per la chiamata al servizio militare maschile obbligatorio e le pezze in tela per i neonati stesi in casa, ormai sostituiti dai più moderni pannolini in cellulosa. Abitudini scomparse o modificate col tempo concernono il largo uso della giacca per i maschi, anche appartenenti ai ceti più bassi, e le acconciature femminili con i capelli cotonati. Verso la fine del film il personaggio Ciro chiede alla fidanzata un bacio in pubblico, che con esitazione e pudore viene concesso a labbra chiuse. Solo la ‘discussa’ Nadia fuma in pubblico o in presenza di maschi.

Pur all’interno di una storia che mostra soprattutto una condizione socio-economica difficile, in cui la boxe professionistica appare come un mezzo per migliorare la propria condizione, i segnali dei caratteri della piramide socio-economica vengono mostrati attraverso gli spostamenti del fratellino più piccolo (di 13-14 anni di età) che fa consegne in bicicletta per un droghiere e in un’altra scena, sul lago di Como (a Bellagio) presso il Grand Hotel si commenta il prezzo delle stanze a 10mila lire a notte.

Simbolo della mobilità sociale dell’Italia di quegli anni è il quarto fratello per età, Ciro (18 anni), che ottiene la licenza media ‘commerciale’ alla scuola serale. Va notato che fino al 1963 erano attive in Italia due scuole medie inferiori: una scelta da chi, superando un esame d’ammissione in quattro materie dopo la licenza elementare, ottenuta la licenza media intendeva proseguire negli studi, l’altra, per cui bastava la licenza elementare per l’ammissione, era scelta da chi era invece intenzionato a mettersi alla ricerca di un lavoro dopo la scuola media. È proprio quest’ultima ‘minore’ licenza che consente a Ciro di venire assunto all’Alfa Romeo come operaio.

Dopo una lunga scena famigliare catartica finale, sulla falsariga di quella che potremmo chiamare ‘tragedia greca’, che evidenzia la scomposizione della famiglia in diverse storie individuali, c’è l’incontro davanti all’Alfa Romeo, nella pausa pranzo, tra Ciro e il fratellino Luca che si conclude con le parole di Ciro che lo invita a costruirsi il suo futuro individuale anche al costo dei legami famigliari e che appaiono come una contestualizzazione socio-politica della vicenda famigliare delineata nel film.

La parola “Fine” si sovrappone ad un campo lungo sui viali ancora vuoti di traffico e sui caseggiati lontani della periferia milanese di allora.

Le percezioni spaziali dell’abitare: la città sradicata (Geography Notebooks, Vol.4/2, 12/2021)

Già il titolo appare intrigante per chi ha interesse per la geografia: La città sradicata. L’idea di città attraverso lo sguardo e il segno dell’altro (Pezzoni, N. 2020. ObarraO-Ibis edizioni, seconda edizione ampliata). Non per caso la prefazione è stata scritta dal geografo Franco Farinelli. E la città, nel suo complesso e articolato rapporto tra esseri umani e spazio, sia ‘naturale’ che costruito, è il terreno di studio di molte ricerche empiriche e di molti ragionamenti teorici della geografia sociale. Non solo perché mediamente ormai più della metà della popolazione mondiale è urbanizzata, ma soprattutto perché la fissità dello spazio costruito risponde a un bisogno umano di stabilità del vivere largamente sentito individualmente; però tale bisogno pone vincoli e confini al bisogno di cambiamento che c’è in tutti anche se praticato da una minoranza. Un cambiamento che diventa una necessità per quegli umani che non hanno più o non sentono di avere più uno spazio dove (soprav)vivere. E che, con un poco di provocazione intellettuale, inserisco nel rapporto-conflitto storico ed evolutivo tra nomadismo e sedentarietà. Tra un abitare stabile e un abitare con un rapporto flessibile con il territorio. La provocazione intellettuale è stata sollecitata dal fatto che già nella prima pagina dell’introduzione si pone come riferimento concettuale centrale “quell’abitare senza abitudine [in corsivo nel testo] […] come un’impronta a cui attingere nella costruzione d’un vivere collettivo fondato sull’apertura all’altro da sé” (21). Nell’articolo RiMaflow autogestita presente in questo fascicolo ho già affermato che approccio etico soggettivo di chi fa ricerca, contatto diretto con spazio fisico e esseri umani, capacità (anche creativa) di cogliere costanti e variabili nelle dinamiche spaziali, sono quegli elementi necessari per fare un’analisi socio-territoriale utile non solo per ‘capire’ un territorio umanizzato, ma anche per avere strumenti per cambiarlo per il meglio e con il coinvolgimento il più ampio possibile di chi ci vive. Una capacità che sappia uscire dagli schemi “per cogliere la dissomiglianza, la deviazione rispetto alla norma che fa spicco e che si imprime nella mente” come dice a pagina 61 la citazione di Ernst H. Gombrich (1978. ‘La maschera e la faccia’, in Gombrich E.H., Hochberg J., Black M., Arte, percezione e realtà. Come pensiamo le immagini. Einaudi. Torino).

Sono elementi che, con altri ancora, si trovano tutti in questo libro, risultato di una lunga e articolata ricerca sul campo che ha avuto come centro di attenzione i migranti appena arrivati in città (prima Milano, poi Rovereto e Bologna). Lo scopo della ricerca è stato capire quale mappa mentale si costruisce nella mente di chi vive nella città “dove insediarsi non equivale a radicarsi” (22) e se è in qualche modo confermata l’ipotesi dichiarata “che la condizione di instabilità […] sia connaturata all’abitare contemporaneo” (23). “Nell’osservare la città, i migranti vi posano uno sguardo che appare incontaminato rispetto alle riproduzioni codificate della geografia urbana” (24); la non casualità della prefazione di Farinelli deriva anche dal fatto che l’autrice, in particolare nel secondo capitolo, sposa e cita (72-74) la nota critica di Farinelli alla ragione cartografica in cui “ciò che appare prende il posto di ciò che è” (Farinelli, F. 1992. I segni del mondo, immagine cartografica e discorso geografico in età moderna. Firenze: La Nuova Italia, 165) e “la cui positivistica assunzione ha impedito alla geografia umana una funzione conoscitiva in senso critico-ascientifico” (74). Così gli spazi percorsi dai migranti (soprattutto quelli arrivati da poco) evidenziano “il segno dei confini, che lacerano il territorio tentando di imporre l’immobilità in un’epoca connotata dal movimento” (25).

La condizione del migrante, soprattutto se illegale, è fortemente e dinamicamente spaziale: da un lato per le umane necessità fisiche quotidiane, che sono concrete e (indissolubilmente?) legate allo spazio e/o dipendenti dallo spazio, e dall’altro perché le relazioni con i diversi individui e gruppi umani sono necessariamente ‘ingabbiate’ (264-267) dalla conformazione dello spazio e dalle regole sociali del suo vissuto: il genre de vie inteso in senso articolato, alla Reclus. Il vivere del migrante è “un abitare privo di quel diritto di avere diritti” (25, riferimento in nota a Rodotà, S. 2012. Il diritto di avere diritti. Roma-Bari: Laterza) e l’autrice dichiara apertamente che “l’esperimento proposto [… è un] tentativo di superare la prerogativa del potere sull’altro che da sempre divide chi appartiene – a un territorio, a un diritto, a un sistema – da chi è escluso” (25). Nella speranza di riuscire a stimolare un dibattito che scardini “la condizione segregata […] residenziale, intellettuale, professionale, scolastica…” (26) che però non solo è comune a tutti i migranti, ma anche a tutti noi cittadini come conseguenza delle operazioni ‘cartografiche’ dello zoning e anche del selfcaging non voluto (auto-zoning forzato dipendente dal reddito) e voluto (‘scelta’ di vicinanza fisica con i simili per stile di vita).

L’osservazione del gesto del migrante, che nel momento in cui disegna la sua mappa mentale della città manifesta una appropriazione conoscitiva (330-333) che consente di attingere “a diversi gradi di libertà” (30), può spingere a riprendersi la libertà di pensare in modo più dinamico e aperto; non a caso l’ultimo capitolo del libro si intitola “Aperture” sia perché “si propone di generare attraverso il gesto dell’altro un nuovo spazio etico a fondamento della città” (30) sia perché auspica che questa ricerca ne produca di nuove, diverse, ‘altre’. Intendendo l’abitudine non solo come la pratica umana e naturale del selfcaging, ma anche l’acritica accettazione di consuetudini e di norme e regolamenti cittadini, l’abitare senza abitudine è strettamente connesso a quel diritto per cui “si deve poter abitare sempre e ovunque” (Gabellini, P. 2010. Fare urbanistica, Roma: Carocci, 26), che è un modo essenziale e conciso di dire quello che afferma l’articolo 2 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

A pagina 32 l’autrice riconosce un ruolo alla geografia nelle “contaminazioni” che hanno contribuito alla definizione della ricerca e del suo approccio. Nella parte in cui delinea la struttura del libro (27-30) c’è il riconoscimento dell’ampio valore strumentale d’analisi della mappa mentale, che è da tempo acquisito anche tra i/le geografi/e, e in particolare quelli/e che si interessano di didattica e la usano con i propri studenti. Così si afferma la perdurante validità del lavoro di Kevin Lynch (Lynch, K. 1960. The image of the city, Cambridge: MIT Press) come griglia di supporto al lavoro preparatorio, alla strutturazione e all’analisi dell’esperienza. Rimangono validi gli “oggetti urbani” di Lynch (riferimenti, luoghi dell’abitare, percorsi, nodi, confini), la cui trasposizione e reinterpretazione ha fatto da struttura alla rappresentazione grafica a cui sono stati chiamati i migranti nel momento in cui l’intervista dinamica li invitava a costruire la mappa mentale della loro esperienza spaziale nella città. La giustificazione metodologica delle ragioni del modo di operare è nel terzo capitolo. Nel quarto capitolo sono riprodotte settanta delle cento mappe rilevate dalla ricerca. Voglio sottolineare la particolarità di questa esperienza e cioè che la scelta di coinvolgere gli immigrati da poco punta a far ripensare l’attualità del vissuto “senza voltarsi indietro verso le proprie origini” (28). In questo vi leggo l’andare a cercare il senso profondo di umanità prima e oltre le costruzioni iconografiche della propria singola esperienza culturale. E infatti l’analisi delle mappe del quarto capitolo va a interpretare le “diverse attribuzioni di senso” che emergono dai cinque oggetti urbani di Lynch. Nel quinto e sesto capitolo si riproduce una scelta delle mappe mentali ottenute dall’esperienza ripetuta a Rovereto e Bologna e, infine, nel settimo capitolo si confrontano le ipotesi dei capitoli d’apertura con gli esiti della ricerca.

La visione anticipatrice del ‘kilometro zero’ in Kropotkin (Geography Notebooks, Vol.4 /2, 12/2021)

Campi, fabbriche, officine del geografo Piotr Kropotkin (1975. Colin Ward a cura di. Edizioni Antistato) è uno dei libri più ‘pratici’ di riferimento del pensiero anarchico, risultato di alcuni articoli (scritti tra il 1888 e il 1890) raccolti in un libro nel 1899, il quale ebbe molte riedizioni rivedute e ampliate prima della Grande Guerra. Amico del geografo anarchico Elisée Reclus, considerato da alcuni come il fondatore della geografia sociale (Errani P.P., a cura di. 1984. L’Homme. La geografia sociale, Milano: Angeli), Kropotkin è morto nel 1921 (e proprio nell’anno della stesura di questo testo ricorre il centenario della sua scomparsa (https://kropotkin2021.com). Colin Ward, ‘architetto’ (non laureato) e attivista spaziale ‘in azione’ (1973. Anarchy in action), nel 1974 interviene sul testo originale: riduce abbondantemente la grande massa di dati presenti e lo ristruttura in quattro capitoli alla cui fine, di volta in volta, fa un commento comparativo con la realtà socio-economica degli anni Settanta. Ne sottolinea continuità (molte), discontinuità (poche) e sostiene le proposte pratiche di Kropotkin che avevano, a suo giudizio, una validità per il presente (suo di allora) e per il futuro, ovvero il nostro presente. Per misurare l’attualità delle intuizioni di Kropotkin e la sua presa sul futuro è utile Il principio territoriale di Alberto Magnaghi (2020. Torino: Bollati Boringhieri).

Colin Ward nell’introduzione all’edizione inglese sottolineava che l’analisi e la visione futura di Kropotkin, talvolta profetiche, erano state elaborate in un mondo in cui l’elettricità, l’automobile, il cinema e il telefono erano ancora ai primi passi e non erano ancora stati inventati la radio, la televisione e l’aeroplano; inimmaginabili computer e smartphone. Il commento editoriale dell’edizione del 1919 sottolineava che i bisogni mondiali andavano aumentando e che le risorse della Terra non erano inesauribili. Consapevolezze che solo recentemente si stanno consolidando tra gli economisti del modello di sviluppo occidentale.

Con enorme dovizia di esempi concreti e con dati precisi, Kropotkin mostrava come l’utopia fosse possibile perché era già praticata in molti luoghi e che bastava seguire quegli esempi positivi, allargandone la scala, ma mantenendo la caratteristica di rete flessibile di una federazione di comuni autonomi e di unità produttive integrate (agricoltura-industria) localmente.

Nel primo capitolo, dedicato all’industria, Kropotkin vagheggia un futuro positivo se centrato sull’integrazione invece che sulla divisione e specializzazione del lavoro; egli immagina “una società dove ciascun individuo produca sia lavoro manuale sia lavoro intellettuale” (34), […] “una società riorganizzata […] dovrà trovare la maniera migliore per combinare l’agricoltura con l’industria […] e dovrà provvedere all’istruzione integrata, la quale istruzione soltanto, insegnando sia la scienza sia l’abilità manuale sin dalla prima infanzia, è in grado di dare alla società gli uomini e le donne di cui questa ha realmente bisogno.” (35).

Ma Colin Ward ricorda invece cosa è avvenuto e cioè il rapporto squilibrato tra Nord e Sud del mondo e Stati diventati specializzati in certe produzioni agricole o industriali, e noi oggi siamo testimoni della realtà consolidata della delocalizzazione produttiva che ha fatto della Cina la ‘fabbrica del mondo’ e Taiwan e Corea del Sud i principali produttori di microprocessori per le necessità tecnologiche avanzate mondiali. Specializzazioni possibili per “la rapidità e la crescente capacità di trasporto via mare” che Kropotkin già intuiva (36).

Del secondo capitolo dedicato all’agricoltura, in cui subito Kropotkin critica le tesi di Malthus sul pericolo della sovrappopolazione, vale la pena di sottolineare come l’autore descrive le esperienze sue contemporanee di produzione orticola commerciale (103-117) che hanno una valenza profetica se si considerano gli esempi delle produzioni odierne olandesi o delle aree semidesertiche dell’Almeria spagnola, diventate ‘l’orto’ in serra dell’Europa. Kropotkin fa una semplice osservazione che ha valore ancora di più oggi e cioè che i cittadini ignorano del tutto come fisicamente si produce quello che mangiano (121-122).

Anche Colin Ward rileva che l’aumento possibile della produzione agricola, soprattutto di frutta, verdura e legumi, vagheggiata da Kropotkin, sia ai suoi tempi normale. Riprende poi e sottolinea le preoccupazioni ambientali kropotkiniane che negli anni Settanta del Novecento cominciano a essere denunciate come problemi ecologico-ambientali (134-135) su cui sarebbe stato necessario intervenire subito tramite creatività e ricerca per lo sviluppo della tecnologia alternativa che punta al “soddisfacimento dei bisogni umani attraverso l’impiego di risorse rinnovabili” (56).

Viene infine evidenziata la continuità con le preoccupazioni di Kropotkin circa l’eccessivo e pericoloso sviluppo di una agricoltura industriale ipermeccanizzata, confermata dai dati della riduzione di popolazione delle campagne e dei lavoratori nel settore (136-137).

Nel capitolo terzo Kropotkin sottolinea e apprezza la resilienza delle officine e delle piccole industrie, preconizzando per loro la capacità di sopravvivere al processo di concentrazione industriale che gli economisti di allora indicavano come un processo totalizzante e inevitabile. L’esempio italiano della diffusione delle PMI (Piccole e Medie Imprese) e della loro presenza maggioritaria nel nostro tessuto produttivo ne può essere un valido esempio. Però Kropotkin sognava il suo “piccolo è bello” (come titola il famoso libro di Schumacher del 1973 Small is beautiful) nella forma di una diffusione decentrata della produzione industriale a servizio delle necessità di una agricoltura tecnologicamente efficace che prevedeva la possibilità dei lavoratori di cambiare mansioni alternando il lavoro in fabbrica con quello dei campi (174-176). Per questo ho usato il verbo ‘sognare’. Significativo poi che già si descrivessero le pratiche di pirateria finanziaria di acquisto di fabbriche o di fusioni con l’intento di spezzettarle e/o venderne le proprietà in lotti separati. Infine Ward rileva la tendenza alla progressiva concentrazione urbana globale della popolazione che è un potente meccanismo in contrasto a ciò che auspica Kropotkin: “è necessario decentrare anziché centralizzare” (189).

L’ultimo capitolo ristrutturato da Colin Ward è dedicato all’istruzione integrale (35 e da 199 a 206). Nella sua visione integrata della società Kropotkin sottolinea come molte invenzioni non siano il risultato di studi accademico-teorici, ma provengano dalla straordinaria capacità di osservazione pratica di alcuni esseri umani particolarmente in grado di mettere a frutto capacità comuni a tutti: con una istruzione integrale l’autore è convinto che si favorirebbero la consapevolezza e un maggiore uso di tali diffuse capacità.

Kropotkin ‘sogna’ (208-210) un mondo che sostanzialmente è fatto di ciò che oggi chiamiamo start up e di crowdfunding. Quando Kropotkin indica quali problemi dovrebbero poter essere affrontati con nuove invenzioni future Ward, in un suo inciso, indica che nel suo presente sono già state inventate. Questo capitolo, in cui si parla di lavoro intellettuale e manuale da integrare nella vita quotidiana e non solo nel lavoro, si conclude con una visione di una possibile società armonica futura.

Nelle conclusioni il positivo e fiducioso Kropotkin ancora una volta ‘sogna’, sulla base di esempi precisi e concreti del suo tempo, una società autosufficiente (un sostanziale ‘kilometro zero’, si potrebbe dire oggi) che si fondi sul lavoro manuale coordinato e variato a cui sin da giovani si è stati abituati intellettualmente (224). Da bravo utopista ottocentesco il finale del libro è evocativo. Del poscritto editoriale vale la pena ricordare le parole di Colin Ward molto attuali nel nostro presente di 50 anni dopo: “Negli ultimi dieci anni noi ci siamo resi sempre più conto che c’è una crisi dell’ambiente naturale, una crisi delle risorse, dei consumi, della popolazione. […] Il fatto incontrovertibile è che le risorse del mondo sono limitate, […]”.

Rimaflow autogestita. Un esercizio di geografia sociale (Geography Notebooks – Vol.4/2, 12/2021)

1 – Etica individuale e interessi di ricerca. Come procedere.

Il/la geografo/a interessato/a alla geografia sociale in qualche modo è pre-coinvolto/a eticamente-emotivamente nelle sue tematiche e quindi ‘sceglie’ secondo questa precondizione il caso o il campo della ricerca. L’osservatore non è esterno al campo.

I geografi anarchici Elisée Reclus (1830-1905), considerato da alcuni il fondatore della geografia sociale, e Piotr Kropotkin (1842-1921) sono stati due esempi espliciti di tale interconnessione tra motivazioni etico-ideali e argomenti trattati nei loro scritti. La prefazione della Nouvelle Geographie Universelle (1874) e L’Homme et la Terre (1905-08, 1990) di Reclus, e i testi di Kropotkin Campi, fabbriche e officine (1974) e La conquista del pane (2012) sono ancora oggi utili letture.

Quello che accomuna i due autori, e che è fondamentale per un/a geografo/a, è la capacità di osservare lo spazio vissuto, cioè l’interazione tra fisicità e umanità, sapendone trarre un quadro interpretativo che dà ragione sia delle forme di quello che si osserva che dei comportamenti degli umani che vi vivono. Le loro pagine, spesso apparentemente ‘descrittive’, sono invece paragonabili a dei video documentari commentati.

In generale la conformazione fisico-climatica di un territorio naturale, senza voler essere deterministi, orienta le relazioni sociali perché per la sopravvivenza, per la frequenza dei contatti e per gli spostamenti  pone vincoli di possibilità e di tempi di percorrenza. Negli spazi urbani sembra che questi  vincoli siano ridotti o meno influenti, ma non è del tutto così. Anche se gli spostamenti sono più facili e i luoghi di incontri di socializzazione sono più numerosi e frequenti, gli elementi da considerare geograficamente sono due: 1) la densità umana è un fattore fisico che facilita le forme di incontro e di socializzazione, ma in parte anche le ‘obbliga’, le confina, le orienta; 2) gli elementi dello spazio costruito sono fortemente condizionati dalla logica della proprietà privata/pubblica e dell’economia per cui gli spazi liberi a disposizione per la socialità sono meno di quelli che vengono percepiti o raccontati e sono anche più condizionati. C’è però anche un fattore da considerare, che Reclus e Kropotkin sottolineano, e cioè che c’è sempre la possibilità dell’individuo di fare scelte che rompano gli obblighi e travalichino i confini e il ricercatore ne deve tener conto nel momento della sua sintesi interpretativa: quello che osserva è il risultato di scelte e non un dato ineluttabile.

Ne consegue che per una ricerca in spazi urbani le prime cose che vanno considerate sono la struttura e le forme del costruito, sia del contesto (area, zona) sia del luogo o luoghi specifici che si intendono analizzare. Ma in questi contesto e luogo vanno cercati e compresi gli atti umani consapevoli e non, dei singoli e dei gruppi.

Se per i giornalisti ci sono le cinque W (Who, What, Where, When, Why) lo stesso vale per i/le geografi/e e in particolare per chi pratica la geografia sociale; ma il primo passo è il Where-Dove. Perché il territorio e il costruito raccontano. E’ buona regola vedere di persona lo spazio o il territorio che si intende analizzare e su cui poi si vuole raccontare o scrivere. Si parte necessariamente dal Where-Dove perché già questo comincia a far percepire la soggettività del Who-Chi.

Per capire meglio il racconto del territorio sarebbe utile (e necessaria) una infarinatura di pratiche agricole (es.: saper riconoscere colture intensive e industrializzate dalle dimensioni e dalle forme dei campi) e di architettura (es: saper identificare i periodi storici di alcuni stili e forme, saper comprendere riconoscere/notare le differenze tra costruzioni ‘povere’ e di pregio).

Non sempre e ovunque è possibile andare di persona; si possono fare ricerche di buon livello e interessanti anche senza aver visto direttamente il luogo di cui si parla, ma alla lettura dei testi bisogna affiancare la visione di foto, di documentari; anche film e fiction sono utili se si osservano più lo spazio di contesto e gli elementi fisici che gli sviluppi della storia. Però l’osservazione diretta è necessaria proprio per dare senso e concretezza a quell’aggettivo ‘sociale’ che viene aggiunto e che in un certo senso vincola chi fa ricerca. Perché “la mappa non è il territorio” (aforisma di Alfred Korzybski, 1879-1950, padre della semantica generale).

Ci possono essere temi che investono ampi spazi e gruppi umani diversi, ma almeno una parte della ricerca, anche se piccola rispetto all’insieme, deve essere il frutto di una esperienza personale diretta e fisica: di un contatto.

Reclus indicava tre ‘leggi’, cioè realtà costanti delle dinamiche umane, e cioè:1) la tendenza dei gruppi umani a strutturarsi in modo gerarchico nel tempo, 2) l’incontenibile aspirazione alla libertà personale dell’individuo, 3) il continuo movimento di reciproco bilanciamento/confronto (lotta, diceva lui) tra queste due forze contrapposte nelle dinamiche umane nello spazio.

Quindi lo spazio è il campo dove queste costanti si manifestano e ne è il risultato; i segni visibili nello spazio fanno capire ad un osservatore attento (e/o motivato) il tipo di rapporti di forza presenti e anche, negli spazi urbani, qualcosa dei rapporti di forza del passato grazie ai segni tangibili che sono rimasti. Gli esempi estremi di questo campo di forze sono la foresta primaria che ci dice che in mancanza di umani è la spontaneità biologica che determina i rapporti di forza, mentre gli spazi urbani e le forme del costruito sono l’esplicitazione dei rapporti di forza (politici e/o economici) tra gli umani, tra le spinte gerarchiche e la voglia di libertà individuale.

Ma in pratica come procedere? 1) Osservare, 2) notare costanti (cose che si ripetono) e varianti (cose diverse dal contesto e/o particolari/inaspettate), 3) comparare (con altri contesti conosciuti e/o con il proprio sapere teorico), 4) ipotizzare una interpretazione/visione da verificare con ulteriori ricerche e approfondimenti per arrivare ad una sintesi conclusiva (la propria tesi).

Può essere utile talvolta partire da una ipotesi interpretativa, anche solo da un’idea generica e solo abbozzata, che poi viene verificata dalle operazioni indicate. Se si è aperti all’accettazione anche della confutazione dell’idea di partenza.

Nell’analisi delle dinamiche in ambito urbano vale la pena di partire dalla visione della carta-mappa per cercare di capire la struttura dell’abitato, cioè dalle forme delle vie (regolari, irregolari, miste, ecc.) quali fasi di espansione o costruttive si sono succedute; è molto utile comparare mappe storiche dello stesso luogo.

Aver letto di storia urbanistica specifica aiuta, come pure avere qualche nozione visiva di stili architettonici storici (le riviste [storiche] di architettura sono utili da sfogliare). Ma può anche bastare osservare con attenzione e sistematicamente edifici, palazzi, ville, villette, costruzioni commerciali e produttive per accumulare conoscenze visive comparabili.

La visione delle mappe porta ad un abbozzo di quadro interpretativo che va confrontato con la visione diretta del contesto urbano della realtà su cui si fa la ricerca. Una realtà che ha aspetti fisici fissi (costruzioni, spazi, oggetti negli spazi, estetica degli spazi) e umani che vi agiscono e con cui interagiscono.

Si va sul posto osservando prima il contesto (prendendo nota, meglio con foto/video), poi si osserva il luogo specifico della realtà che si intende analizzare e infine ci si rapporta con i soggetti umani interessati. Da ricordare, nel momento dell’interpretazione e della sintesi,  che l’osservazione dello spazio fisico è condizionata dalla nostra percezione e che anche la narrazione dei soggetti umani con cui abbiamo relazioni (per esempio interviste) è condizionata dalla loro e dalla nostra percezione. Osservatore e osservato non sono esterni al campo.

2 – Il contesto e l’osservazione

Nel caso di studio in questione le visite esplorative e le conoscenze teoriche pregresse di chi ha fatto la ricerca hanno dato il seguente quadro interpretativo, che può essere comparato con altre situazioni urbane:

– le periferie disordinate sono il risultato di un processo graduale di costruzione nel tempo di edifici di vario genere;

– gli spazi pubblici (e la loro pianificazione) sono compito dei comuni e quindi il ‘disordine’ è anche loro responsabilità politico-amministrativa;

– i privati non hanno obblighi sociali per gli spazi pubblici; devono solo seguire le indicazioni e rispettare i vincoli decisi dall’amministrazione pubblica per quanto riguarda l’estetica, le dimensioni, ecc., di quanto realizzano;

– un aspetto specifico del sistema delle tangenti nel settore delle costruzioni era/è quello mirato ad ottenere norme e/o regolamenti favorevoli da parte dei politici locali o di avere un atteggiamento ‘comprensivo’ nel controllo del rispetto di tali regole (o di non avere nessun tipo di controllo);

– anche se con un sostanziale rispetto delle regole municipali, dagli anni Sessanta del XX secolo le periferie di Milano sono diventate sempre più disordinate con gli spazi occupati e costruiti a favore degli interessi immobiliari e della speculazione fondiaria;

– dalla fine degli anni Settanta i ceti a basso reddito sono stati obbligati a lasciare Milano e trasferirsi dal centro nelle  aree periferiche e nei comuni intorno alla città per potersi permettere di affittare o acquistare casa a prezzi  abbordabili, provocando un pesante impatto ‘costruito ‘ nell’uso dello spazio;

– il modo di usare il territorio è stato sostanzialmente simile per i piccoli comuni intorno a Milano. Piccoli rispetto a Milano, ma spesso più abitati di molti capoluoghi di provincia di altre regioni;

– l’espansione dell’urbanizzazione si è sviluppata lungo le principali e storiche strade di collegamento per e da Milano, principalmente con scopi commerciali e produttivi, poi residenziali;

– esteticamente questi assi di collegamento hanno sostanzialmente lo stesso aspetto con un misto di centri commerciali, luoghi di produzione (talvolta con ampie esposizioni della produzione sul fronte strada) e edifici residenziali che cercano di utilizzare al massimo la superficie di proprietà.

Tutto questo ha innescato un caging fisico (e ‘legale’):  la forma di parti giustapposte del costruito delle periferie, a seguito degli interessi immobiliari privati, è la gabbia concreta, fisica, che incasella  gli eventuali  sforzi di un (ri)uso sociale degli spazi urbani. In questo contesto il processo di delocalizzazione produttiva all’estero, la decrescita della produzione industriale nelle città occidentali (che ‘produce’ edifici e spazi urbani vuoti), può anche essere una opportunità creativa di un riuso sociale e socializzato dello spazio. Ma gli ostacoli  legali, amministrativi e mentali sono molti.

Nella fase dell’osservazione del contesto urbano specifico (Trezzano sul Naviglio, 21.000 abitanti, a sud di Milano) si è avuta la conferma visiva di questo quadro teorico:

– una volta occupati tutti gli spazi lungo la via principale secondo le modalità evidenziate il territorio è stato occupato costruendo lungo una serie di vie parallele (e perpendicolari) con gli stessi criteri, organizzati per blocchi sostanzialmente omogenei affiancati (residenziali, produttivi, artigianali, ecc.);  dalla fine degli anni ’90 c’è stata una maggiore, anche se tardiva, pianificazione urbanistica da parte del comune;

– gli spazi pubblici hanno potuto essere ricavati solo nelle aree marginali e/o negli interstizi a causa dei costi dell’esproprio per pubblica utilità, comunque troppo onerosi per l’amministrazione pubblica, a fronte invece degli introiti derivanti dagli oneri urbanistici conseguenti alla concessione dei permessi di costruire. A causa della mancanza di spazio (e di soldi) in tempi più recenti i comuni hanno avuto la possibilità solo di fare interventi limitati e estetici nelle pubbliche piazze (o nelle rotatorie stradali);

– recentemente la street art e i murales sono stati testimonianze degli autonomi (e quasi sempre illegali) sforzi di riuso e reinterpretazione creativa degli spazi fissi costruiti secondo una differente logica. Nell’area industriale di piccole fabbriche e/o produzioni artigianali (in parte inutilizzate al momento), che si trova vicino alla stazione della linea ferroviaria metropolitana di collegamento a Milano, la fantasia degli street artist ha trovato superfici disponibili che hanno consentito una variata, interessante e originale produzione visiva.

RiMaflow è (stata) un caso di studio molto utile e interessante di geografia sociale e cioè adatto per un/a geografo/a che genericamente ‘si sente’ portato/a per un certo tipo di tematiche sociali o che le sceglie per soggettivi orientamenti etico-ideologici. Una sua particolarità è quella di essere un esempio di ripensamento spaziale sia dell’interno di uno spazio (una fabbrica di discrete dimensioni) che delle relazioni con il mondo esterno, vicino e lontano. Il tutto in un quadro di visione sociale idealistica esplicitata degli attori umani che ne ha guidato e guida le scelte pratiche come anche l’approccio al territorio e agli spazi interni.

Fig. 01

Le motivazioni dell’occupazione all’ingresso della vecchia sede (foto dell’autore, 19 febbraio 2019)

3 – Il caso di studio

La Maflow di Trezzano sul Naviglio (produzione industriale per l’automotive) va in bancarotta nel 2009. C’è un anno di lotta contro la chiusura. All’asta nel 2010 si presenta l’imprenditore polacco Boriszew che ne gestisce l’attività per due anni e a dicembre 2012 la chiude trasferendo la produzione in Polonia: 330 licenziati. Resta UniCredit come proprietaria dell’area industriale dal 2007.

I dipendenti che la occupano decidono di autogestirla cambiando e diversificando le attività e anche le finalità. Per fare questo gli spazi interni vengono ripensati e non a caso l’esperienza viene chiamata RiMaflow; anche i rapporti con l’esterno cambiano, vogliono essere cambiati, e quindi gli spazi esterni vengono ripensati in un’ottica di relazione, di sostegno economico e sociale attivando legami con soggetti come i sindacati, associazioni varie, gli abitanti, ecc., e non più solo come logistica per i trasporti in entrata e in uscita da una fabbrica. I contatti cercati con l’amministrazione comunale, che dovrebbe essere tra i referenti privilegiati in quanto soggetto gestore pubblico del territorio, non danno gli esiti sperati e, anzi, sono stati un problema a prescindere dal colore politico della giunta.

Fin dall’inizio l’esperienza della RiMaflow si è configurata come una  ‘azione sociale prefigurativa’ con l’obiettivo di connettere e intrecciare le attività economiche con la comunità locale e non solo, offrendo servizi e cercando supporto e partecipazione: sono state organizzate visite degli scolari delle scuole elementari del posto, il proseguimento della mensa interna a prezzi contenuti, i capannoni sono diventati spazi per artigiani locali (es. restauro mobili, riparazione cellulari e computer),  produzioni artistiche, uffici per piccole società, stanze e ambienti per assemblee e conferenze,  aree per deposito e magazzinaggio, parcheggio coperto camper, addestramento cani negli spazi esterni; sono stati attivati accordi e sinergie con autogestioni, cooperative, associazioni in campo agricolo, artigiano, di produzione e servizi (locali e non solo);  collegamenti con i GAS (Gruppi di Acquisto Solidale).

Ma un tipo si  esperienza come questa è in conflitto sia con la struttura legale della società capitalista che con l’attitudine mentale del selfcaging sociale che accetta/subisce il caging spaziale di quella logica.  

In campo ci sono anche attori ‘forti’ che non si vedono direttamente nello spazio, ma che agiscono e incidono anche fisicamente:

– gli  interessi della proprietà (banca Unicredit , la seconda in Italia per importanza), che dopo il collasso finanziario di Maflow inizia un’azione legale per ottenere lo sgombero e poi la vendita dell’immobile (anche se nella zona sono molte le fabbriche chiuse, vuote da tempo e molte con cartelli di vendita);

– il tendenziale diverso approccio del consiglio municipale, che cambia a seconda dell’orientamento politico del sindaco e della maggioranza risultata dalle elezioni, anche se non in questo caso specifico;

– l’approccio mentale e ideologico della proprietà e delle autorità statali (prefetto) in merito a come fronteggiare l’illegalità dell’occupazione di una fabbrica.

L’esempio più eclatante è la denuncia e poi il carcere per il responsabile ufficiale  dell’associazione di gestione con l’accusa di riciclo illegale di  rifiuti riguardanti carta da parati e plastica che per RiMaflow erano materia prima seconda e non rifiuti; dopo 6 mesi e mezzo di detenzione preventiva con l’accusa infamante di associazione a delinquere finalizzata allo smaltimento illecito di rifiuti, Massimo Lettieri, presidente della Cooperativa RiMaflow in autogestione, l’11 maggio del 2019 viene scarcerato, ma le accuse rimangono. Avendo tutti gli altri imputati patteggiato, non c’erano le condizioni per andare a processo da solo: anni di dibattimenti e costi legali impossibili da sostenere, con l’aggravante di non poter neppure beneficiare degli sconti di pena disposti dal pubblico ministero. Un poster esposto a RiMaflow dice che “I poveri, anche quando hanno ragione, possono solo stare in galera! Massimo dovrà quindi scontare due anni in affidamento ai servizi sociali. Si tratta della pena più bassa tra tutti gli imputati, tuttavia per noi questa non è giustizia, è comunque un’infamia! “. Ci sono comunque le sanzioni e le spese processuali a cui far fronte  come Cooperativa, a cui sono stati sequestrati i beni.

Rispetto ad altre esperienze di occupazione e autogestione il gruppo dei lavoratori della RiMaflow, aiutati anche da sostegno esterno, hanno mostrato una significativa capacità dei lavoratori di auto-organizzarsi e di resistere economicamente e psicologicamente. Questo per sei anni.

Una soluzione infine viene trovata e significativamente è attiva dal 1 maggio 2019.

Dopo una negoziazione di alcuni anni tra la proprietà e l’associazione dei lavoratori, grazie alla mediazione di Saccone,  nuovo prefetto di Milano che ha avuto un diverso approccio al concetto di ‘(il)legalità’ di una occupazione rispetto a Lamorgese, si arriva ad un accordo il 28 novembre 2018 (con uno sgombero già attivato) per una pacifica de-occupazione della fabbrica entro pochi mesi.

Una nuova sede era già stata individuata dai lavoratori:  è uno dei due stabilimenti ex Maflow che era rimasto attivo fino all’anno precedente l’accordo (ossia 2017), molto più nuovo e non decrepito e da bonificare. Non era proprietà di UniCredit, ma di un privato. E’ stato acquistato dal Consorzio “Almeno 331” (ossia con l’obiettivo di arrivare a un operaio in più di quelli licenziati nel 2012) composto da Caritas, Fondazione Vismara, Associazione Chico Mendes e Cooperativa RiMaflow. Il presidente del Consorzio, Emilio Roncoroni, è lo stesso della Cooperativa RiMaflow Fuorimercato (nome attuale). La nuova cooperativa è entrata in parte con i fondi recuperati da UniCredit. Il consorzio gestisce un mutuo con Banca Etica per la quota rimanente. Cabassi e Bastogi non stanno nel consorzio, ma hanno acquistato una parte restante dell’immobile per un loro magazzino.

Conquistata la stabilità la sfida è ora muoversi nei nuovi spazi mantenendo gli obiettivi politici e le pratiche sociali attivate grazie anche ad  un nuovo statuto legale, una nuova cooperativa capace di (e autorizzata a) gestire molte differenti attività.

Attivisti ‘rivoluzionari’ potrebbero criticare questo risultato che è certamente un compromesso, ma  la disparità delle forze in campo è forte e ‘normalizzare’, cioè accettare/subire  il contesto legal-capitalistico della società, in questo caso può preservare una esperienza alternativa: da una Temporary (TAZ, Temporary Autonomous Zone, Bey 2020) ad una SAZ, una Stable Autonomous Zone, per affrontare la sfida della sopravvivenza. L’obiettivo iniziale principale era l’ottenimento di un posto di lavoro non in nero, ma a contratto come sono oggi, per chi non aveva niente ed era licenziato; un obiettivo raggiunto.

Però la nuova sede ha meno spazio rispetto alla precedente (così, per esempio, il rimessaggio dei camper e l’addestramento cani non sono più possibili, riducendo una entrata monetaria senza quasi spese di gestione).

Legalmente la dinamica di RiMaflow sembra risolta, ma il caging fisico e spaziale delle periferie disordinate è stabilmente attivo.
La distanza dall’asse di comunicazione principale è passata da 300 metri a circa 1 kilometro.

Tra la strada principale e la nuova sede ci sono pochi blocchi di ville individuali, generalmente abitate da persone politicamente non favorevoli a esperienze sociali come fabbriche occupate e/o obiettivi ‘socialisti’.

C’è una linea di autobus urbani, ma la posizione della nuova sede  rimane fisicamente e ‘mentalmente’ marginale, per il mix di ville, edifici industriali, poche attività commerciali, e edifici residenziali con poca densità abitativa.

4 – Nuovo contesto spaziale, nuove sfide per il futuro

Le sfide per il nuovo futuro nella nuova sede erano diverse. Fare in modo che la nuova collocazione fosse comoda e accessibile per la gente in modo da mantenere i collegamenti sociali attivati nella precedente sede. Ma con l’incognita se i nuovi legami socio-fisici (da attivare) sarebbero stati più o meno forti nel sostenere l’esperienza autogestionaria.  A questo scopo il 14 ottobre 2019 era stata lanciata una iniziativa pubblica per (ri)collegarsi al territorio vecchio e nuovo; altre iniziative erano programmate, sostenute dalla  determinazione di continuare a costruire legami sociali e un futuro condiviso. La pandemia Covid è stata un duro colpo, ma non ha ucciso l’esperienza. Però la chiusura forzata ha la limitato le relazioni sociali; ad esempio l’idea di usare la mensa anche come ristorante sociale ha dovuto confrontarsi con le chiusure imposte per limitare il contagio.

Nel 2020, con le attività di ristorazione chiuse e gli eventi cancellati, sono state stimate perdite pari a 160mila euro e i lavoratori a rotazione hanno usufruito della cassa integrazione.

Tra i progetti in cantiere, che la pandemia ha fermato, c’è l’idea di organizzare tirocini, insieme a enti territoriali e scuole professionali, con i professionisti che occupano la “Cittadella degli artigiani”,  l’altro capannone della struttura e seconda anima di RiMaflow.

La nuova cooperativa si è trovata ad avere un nuovo spazio interno dove continuare a mettere in pratica i principi etici che la ispirano, ma lo spazio esterno è stato modificato nelle possibilità di uso fisico; non è cambiata la struttura del costruito, ma è profondamente cambiato lo spazio della relazione tra umani e dello scambio economico.

In un articolo di Marta Facchini, pubblicato in data 13 aprile 2021 su Altraeconomia, si dà conto delle esperienze in corso e di cosa è stato fatto durante il 2020.

Quello che emerge è stata la continuità dell’approccio del ripensamento degli spazi interni ed esterni mostrata nella vecchia sede. La pratica di rapportarsi con associazioni e realtà produttive di base e autogestite, i contatti con i GAS (Gruppi di Acquisto Solidale), la scelta di collegarsi alle reti delle iniziative solidali simili come quella di FuoriMercato si sono mostrate fondamentali e vincenti anche in una situazione pandemica.

[…] Le bottiglie di birra “La Comune 1871”, l’ultima novità lanciata da RiMaflow, sono conservate nel magazzino della fabbrica recuperata a Trezzano sul Naviglio (MI). Il capannone è uno dei cuori pulsanti dello stabilimento in via Verri: qui vengono stoccati i prodotti di FuoriMercato, organizzati sugli scaffali e poi suddivisi negli ordini che alimentano le botteghe e 70 Gruppi di acquisto solidale a Milano e provincia. Sui ripiani ci sono alcuni dei prodotti più noti della filiera autogestita alternativa alla Grande distribuzione organizzata: la vodka antisessista Kollontai, le confetture delle Cuoche Combattenti che arrivano da Palermo e le arance di Sos Rosarno. Da marzo 2021 si è aggiunta anche la nuova birra rossa, che segue “La Staffetta” e il liquore “Amaro partigiano”. Dice Luca Federici, che gestisce la produzione dei liquori RiMaflow: “Anche se le nostre produzioni sono esterne, sono condivise in ogni passaggio e abbiamo un rapporto continuo e diretto con chi le mette in pratica. RiMaflow pone sempre al centro la sua idea di lavoro in autogestione, fondata sul principio che l’autoproduzione è lo strumento per costruire un’economia e una politica diverse”.[…]

[…]  nuovi prodotti sono stati pensati anche per ripartire dopo un anno difficile, così come l’idea di rafforzare il settore dei servizi, ovvero la parte di RiMaflow che si occupa di gestire lavori per conto terzi.[…]

[…] “La nostra idea è aprire un hub del cibo”, dice [Spartaco] Codevilla [socio fondatore]. Il progetto affonda le radici in quanto successo nel primo lockdown di marzo e aprile 2020 quando questi stessi spazi sono stati utilizzati per stoccare i generi alimentari distribuiti a persone e famiglie in difficoltà nei quartieri di Lorenteggio e Giambellino nell’ambito del progetto QuBì, il programma contro la povertà infantile finanziato da Fondazione Cariplo e sostenuto dalla Fondazione Peppino Vismara e dal  Comune di Milano. “Di fronte a una crisi non più congiunturale ma strutturale, abbiamo iniziato a riflettere sulla necessità di aprire un hub permanente insieme alle realtà con cui abbiamo collaborato in quella fase dell’emergenza sanitaria”. La struttura, dove stoccare e conservare generi alimentari per sostenere persone in difficoltà, sarebbe ricavata in una parte del capannone che da marzo di quest’anno è condiviso anche con la cooperativa Chico Mendes, giunta anche lei in via Verri, che a Milano tra le tante altre cose opera in sette botteghe del commercio equo.[…]

[…] Francesco Costa, artigiano [N.d.A.: che ha trovato in RiMaflow lo spazio fisico per la sua attività], dice: “Mi alzo la mattina e sono felice di andare a lavorare. L’autogestione è il nostro punto di forza perché ci coordiniamo e non abbiamo ‘padroni’ che ci dicono che cosa fare. Per me questo posto è tutto, è una casa”.[…]

Visto che la parola economia deriva dall’unione delle parole greche oikos, casanomos, norma o legge,  significa quindi ‘gestione della casa’, nelle parole di Costa c’è lo spazio etico e lo spazio fisico.

C’è stata la capacità di immaginare lo spazio: uno spazio base in una rete di spazi fisici e’umani’ dove non è tanto quello che si produce il collante, ma come si usa lo spazio e come si produce, di conseguenza. Come nelle già citate descrizioni e riflessioni di Reclus e Kropotkin più di cento anni fa, che possono essere trovate e sono sviluppate anche in testi recenti come Il principio territoriale di Alberto Magnaghi (2020) che dal 1990, per elaborare le sue proposte, ha lavorato in sinergia anche con geografi come Giuseppe Dematteis (2018) e Massimo Quaini (2017).

E’ la relazione dinamica con la parola autonomia (io stesso mi do le regole) che aumenta la capacità consapevole di pensare gli spazi in modo flessibile e magari anche creativo. Gli spazi che ci sono già, così come sono,  perché è con questi che ci si deve confrontare e che possono essere un bel campo di ricerca per chi vuole ‘praticare’, in tutti i sensi, la geografia sociale.

Riferimenti bibliografici

Bey, H. 2020. TAZ. La Zona Autonoma Temporanea.  Milano: Shake.

Dematteis, G., Magnaghi A. 2018.  “Patrimonio territoriale e coralità produttiva. Nuove frontiere per i sistemi economici locali”. Scienze del Territorio 6: 12-25. [20/12/2018]. Doi:  https://doi.org/10.13128/Scienze_Territorio-24362.

Facchini, M. 2021. “RiMaflow si muove: i progetti in corso della fabbrica recuperata di Trezzano sul

Naviglio”, Altraeconomia. [13/04/2021]. https://altreconomia.it/rimaflow-si-muove-i-progetti-in-corso-della-fabbrica-recuperata-di-trezzano-sul-naviglio/

Kropotkin, P. 1974.  Campi, fabbriche e officine. Ward C., a cura di. Milano: Edizioni Antistato.

Kropotkin, P. 2012.  La conquista del pane . Anzio-Lavinio: Ortica.

Magnaghi, A. 2020. Il principio territoriale. Torino: Bollati Boringhieri.

Quaini, M. 2017. ”Il ‘Dizionario delle parole territorialiste’. Un progetto non più rinviabile”, Scienze del Territorio 5:  261-72.

Reclus, E. 1905-08.  L’Homme et la Terre.  Paris: Librairie Universelle. (5 volumi)

Reclus, E. 1990. L’Homme et la Terre. Paris: Fayard. (2  volumi). Reclus, E. 1874.  Nouvelle Geographie Universelle. Paris: Hachette. Prefazione.

La guerra per il Nagorno Karabakh tra fatti, regole e narrazione orientata (27 novembre 2020)

Dopo 45 giorni dal 27 settembre 2009 in cui l’Azerbaigian ha attaccato il Nagorno-Karabakh si è arrivati ad un armistizio, favorito dalla Russia, che mette a disposizione circa 2000 soldati e mezzi per garantire il cessate il fuoco tra i due contendenti.

Vorrei sottolineare alcuni elementi che, secondo me, sono piuttosto significativi su sia sul piano dei fatti concreti che del racconto delle narrazioni che possiamo leggere sui quotidiani italiani.

Intanto voglio ricordare che il mio criterio interpretativo delle dinamiche geopolitiche è che queste si muovono all’interno di un quadro di ambiguità e ipocrisia della cosiddetta comunità internazionale; una “comunità internazionale” che in realtà è fatta, di volta in volta, al massimo da 10 stati. Quattro o cinque di questi sono sempre gli stessi e sono i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’ONU con diritto di veto. E’ una “comunità” in realtà soltanto dichiarata nei discorsi ufficiali o negli articoli dei giornali, ma in realtà non è una vera comunità perché è in ostaggio di qualche stato-nazione molto potente oppure di stati-nazione che sono i loro cosiddetti proxy, ovvero nazioni meno potenti che però in certi casi si muovono o  intervengono per inseguire i loro interessi che sono anche in favore degli interessi dello stato più potente che li protegge o di cui sono alleati. Sono comunque tutti stati con una forza militare consistente perché quando si dice potente si intende la forza militare; e hanno anche la potenza economica, perché non si ha abbastanza forza militare se non si ha anche una potenza economica e popolazione. Gli stati piccoli o poco popolati, anche se ricchi, non riescono ad essere abbastanza “potenti” perché la loro forza militare sia risolutiva.

Questi stati infrangono o forzano le regole, o si comportano al di fuori della cosiddetta “legalità internazionale” anche se quasi sempre vi si appellano o rivendicano quella parte delle “regole” che fa loro più comodo. In questo quadro l’atteggiamento diffuso nei confronti delle dinamiche geopolitiche segue la regola dei due pesi e delle due misure, ovverosia “noi” e i nostri alleati siamo nel giusto mentre i “nemici” o gli stati che sono considerati o percepiti come diversi da noi, altro da noi, sbagliano o sono infidi.

Le narrazioni, sia nei discorsi pubblici e ufficiali, le relazioni diplomatiche, le narrazioni dei quotidiani e delle TV evidenziano certi fatti o sottostimano altri fatti all’interno di questo quadro di due pesi e due misure perché tutte queste narrazioni più o meno consapevolmente sono all’interno del proprio discourse politico, ovvero della propria visione di che cosa è giusto e cosa è sbagliato e degli schieramenti in campo.

Se vige la legge del più forte sono molto rari i casi in cui ci sia una reale negoziazione per risolvere un problema geopolitico; le negoziazioni efficaci possono venire generalmente dopo una grave crisi oppure se c’è un cambio di leadership all’interno di uno dei due paesi contendenti oppure se cambiano tutti e due. Per esempio il raggiungimento di un accordo nella ex Iugoslavia nel 1996 c’è stato perché alla fine sono venuti a mancare i mezzi per tutte le parti in causa, sono morti tanti uomini combattenti e sono finiti gli appoggi esterni che venivano dai paesi esterni più potenti.

Chi vince o sta vincendo non è disposto a trattare e quando ha vinto o si sente più forte dell’avversario e quindi prima di negoziare pretende che l’altro faccia qualche dichiarazione oppure che rinunci a qualche cosa. Questo naturalmente non può portare a delle negoziazioni efficaci se resta  questa situazione di squilibrio. Chi perde, prima di andare a negoziare o a negoziare di nuovo, vuole diventare più forte per poter essere in condizioni migliori altrimenti sa che comunque ha perso e quindi non è disposto a perdere ancora di più; e anche qui la negoziazione non porta a buon fine. Questo avviene in genere quando c’è un conflitto militare e quindi alla fine c’è qualcuno che sul terreno ha vinto. Se la pace viene imposta da qualche attore esterno super-potente, la tensione continuerà a covare e prima o poi riscoppierà in uno scontro violento.

C’è poi una caratteristica umana, che si potrebbe controllare volendo, ma l’abitudine storica, invece, è stata da moltissimo tempo questa: chi vince tende a vendicarsi o a prendersi delle soddisfazioni; a più livelli naturalmente. Per esempio nel territorio conquistato si mettono delle nuove istituzioni che comandano favorendo i propri interessi e cercando di escludere gli interessi dei perdenti; e questo può verificarsi sia a livello dei dirigenti che a quello dei semplici funzionari o anche a quello dei soldati che controllano il territorio: ad un checkpoint nel modo di controllare i documenti o andando in giro per la città, entrando in un bar e prendendosi delle libertà, ottenere dei privilegi, o intimidendo gli “altri”.Si fanno sentire i membri dell’altro gruppo in una condizione di inferiorità che può essere manifestata dall’obbligo dell’uso della lingua dei vincitori e la proibizione dell’uso proprio lingua, se ci sono gruppi con linguistici diverse; oppure gli appartenenti al gruppo dominante hanno dei privilegi evidenti, oppure il gruppo perdente subisce delle vessazioni o percepisce di essere in una condizione di inferiorità, eccetera, eccetera.

Nel caso del Nagorno-Karabakh la cosa da sottolineare è che all’interno dell’impero russo armeni e azeri di fatto subivano una condizione di inferiorità nei confronti dei russi e di quelli che parlavano russo e quindi il conflitto tra i due gruppi era limitato a scontri locali che non avevano spazio per esplodere su larga scala. Con la fine dell’Impero russo e la prima guerra mondiale e durante gli anni turbolenti della formazione dell’Unione Sovietica lo scontro nazionalista per avere uno stato-nazione proprio da parte dei due gruppi ha provocato scontri, pogrom e ondate di profughi nei due sensi a seconda di chi in quel momento era più forte o vinceva. Il consolidamento dell’Unione Sovietica e l’imposizione di un ordine politico rigido dall’alto, ancora una volta russo e russofono, ha represso le spinte nazionaliste. Che non sono scomparse, ma sono state coperte dal mantello dell’internazionalismo proletario; in questo quadro la definizione dei confini di Armenia e Azerbaigian fatta negli anni ’20 e poi riconfermata nel 1936, ha creato la base del contenzioso di oggi nell’attribuzione all’Azerbaigian dell’area del Nagorno Karabakh, abitato prevalentemente da armeni.

In effetti il problema di fondo è quello dell’idea dello stato-nazione che viene concepito come uno stato che corrisponda ad una sola “nazione” cioè ad un solo gruppo umano che condivide lingua e abitudini di vita. Nessuno stato al mondo è o è mai stato “puro”.  Ricordo che tra il 1923 e il 1929 nella striscia di terra contesa oggi e identificata nei 7 distretti azeri conquistati dagli armeni nel 1994 c’è stata una entità politica autonoma riconosciuta come curda! Per inseguire la “purezza” dello stato-nazione appartiene all’Azerbaigian un pezzo di territorio, il Nakhichevan, che confina con la Turchia ed è separato dal resto dello stato dall’Armenia, come gli armeni del Nagorno Karabakh sono staccati dall’Armenia dai 7 distretti di cui si è già accennato.

Oggi gli azeri sono in una condizione di maggiore forza militare e la loro operazione militare ha consentito di conquistare terreno; in parte nel sud del Nagorno Karabakh, autoproclamatosi Artsakh, indipendente da 25 anni, e in parte nel territorio azero al confine con l’Iran, a sud, che era stato conquistato militarmente dagli armeni nel 1994.

Si stima che circa 40.000 armeni del Nagorno-Karabakh siano fuggiti dal territorio per andare in Armenia e vivono ospitati da altri o vivono in baracche o si arrangiano come possono,  ma nel 1992-94, quando c’è stata la guerra in cui gli armeni del Nagorno-Karabakh appoggiati dall’esercito della Armenia hanno vinto conquistando 7 distretti che erano abitati in maggioranza da azeri, ebbene si stima che almeno 600.000 persone siano scappate dal conflitto, siano state costrette a scappare o per paura siano scappate spontaneamente;  sono ancora in varie parte dell’Azerbaigian e un certo numero spera di tornare alle proprie case che hanno dovuto lasciare 25 anni fa.

La creazione di profughi, in mancanza di una negoziazione e quando si usa la guerra, è la conseguenza più frequente nelle dinamiche geopolitiche.

Il titolo del quotidiano Domani del 28 settembre, cioè il giorno dopo dell’attacco, è molto significativo e preciso: L’Azerbaigian prova a farla finita coi separatisti armeni. In questo titolo si sottolinea che chi si muove militarmente e cerca di chiudere questo contenzioso in sospeso, di farla finita con gli armeni del Nagorno Karabakh che sono dei separatisti è l’Azerbaigian.  Un Azerbaigian che oggi si sente forte militarmente perché nel corso degli ultimi vent’anni, grazie anche alle entrate petrolifere e alla vendita del gas, a noi per esempio e ai paesi europei, ha migliorato molto, con l’appoggio turco e armi di Israele, le proprie capacità militari; secondo, ha una umiliazione da vendicare, cioè la sconfitta del 1994; terzo, afferma che rivuole quello che è “suo”, e in effetti la cosiddetta legalità internazionale, ovverosia il riconoscimento internazionale dei confini, é dalla parte dell’Azerbaigian (l’ONU e tutti gli stati riconoscono che il Nagorno-Karabakh è una regione che dovrebbe essere autonoma, ma che fa parte dell’Azerbaigian). Infine, essendo tutti e due gli stati membri dell’ONU, questi non riconosce conquiste territoriali tramite l’uso della guerra e quindi gli armeni che nella guerra del 1991-94 hanno conquistato 7 distretti dell’Azerbaigian da questo punto di vista sono fuori dalla cosiddetta legalità internazionale; ben quattro risoluzioni ONU, peraltro mai rispettate dall’Armenia, hanno chiesto nel 1993il ritiro incondizionato dei militari armeni dal territorio azero; nella fattispecie la 822, la 853, la 874 e la 884.

In passato i negoziati sono sempre stati inconcludenti per responsabilità di ambedue, ma naturalmente nel quadro ambiguo di cui si è accennato all’inizio. L’Armenia, avendo conquistato il territorio, era in una posizione di forza e meno disponibile mentre gli azeri erano una condizione di inferiorità e quindi le richieste che si sentivano fare erano per loro inaccettabili. Oggi sono più forti e in effetti militarmente lo hanno dimostrato. Sottolineo che da un punto di vista pratico gli azeri hanno colpito il territorio del Nagorno-Karabakh e dei distretti circostanti e non il territorio della Armenia e quindi formalmente stanno riconquistando un pezzo di territorio che è il loro mentre gli armeni, se vogliono appoggiare il Nagorno Karabakh, devono sparare dei missili da territorio azero che loro hanno conquistato più di 25 anni fa e quindi formalmente si muovono in un territorio che non è loro e non ne avrebbero diritto.

Comunque, oltre ai profughi, come sempre, la guerra ha avuto i soliti effetti collaterali e cioè la morte dei civili sotto i bombardamenti oltre a quella dei combattenti.

I nostri giornali come hanno raccontato questa guerra? Spesso sui giornali si cita, paradossalmente, una frase di Eschilo, il drammaturgo greco di 2500 anni fa che aveva inserito in una sua opera la frase: “in guerra la verità è la prima vittima”. Però quello che si può vedere è che la logica della narrazione è una logica di schieramento e quindi in Occidente tendenzialmente noi siamo da parte degli armeni perché sono cristiani e perché li consideriamo più “europei”, anche se territorialmente sono fuori dall’Europa, per una serie di legami soprattutto culturali e religiosi. E quindi noi inquadriamo questo racconto anche all’interno di una storica iconografia del confronto fra cristiani e musulmani: gli armeni cristiani e gli azeri musulmani rientrano in un quadro di interpretazione che è coerente con un racconto che noi abbiamo utilizzato anche nei nostri libri di testo nelle scuole. E’ un racconto piuttosto tradizionale e quindi la narrazione italiana vi si adegua: siamo più “morbidi” e favorevole agli armeni e la questione della legalità internazionale, che come ho già detto a in realtà a favore dell’Azerbaigian, compare negli articoli soltanto in brevi incisi  nel testo, quindi mescolata alla gran parte dell’articolo che parla anche di altro, oppure in piccoli box con altre informazioni. Come se fosse una notazione non particolarmente importante.

Per confronto voglio ricordare che invece quando c’è stata la crisi ucraina nel 2014 e 2015 e il passaggio della Crimea dall’Ucraina alla Russia nell’arco di 7-8 mesi (e senza scontri a fuoco,  senza morti e con pochi profughi che hanno lasciato la Crimea), ebbene tutto l’Occidente ha insistito sul principio inderogabile dell’integrità territoriale dell’Ucraina, che andava difesa al punto tale che l’Unione Europea da allora ha in atto delle sanzioni economiche nei confronti della Russia. Per il passaggio della Crimea dopo un referendum, abitata al 75% da russofoni e di cultura russa, “regalata” nel 1954 da Krusciov all’Ucraina, cioè dal leader del nemico storico dell’Occidente durante la Guerra Fredda. Stalin viene citato con disapprovazione come causa del problema del Nagorno Karabakh, ma non nello stesso modo viene valutato l’agire del suo successore per la questione della Crimea.

Quindi nel caso dell’Azerbaigian, che è musulmano e appoggiato dalla Turchia e che quindi è considerato “altro” culturalmente, viene sottostimata la perdita di territorio da parte sua e sostanzialmente viene presentato come un qualcosa di negativo, ma che non meriterebbe la guerra.

Le condizioni di inferiorità militare hanno convinto il premier armeno e il comandante militare dei secessionisti del Nagorno Karabakh che la difesa era ormai impossibile e quindi che era meglio mantenere il territorio che ancora si controllava prima di perdere tutto. Il presidente russo Putin ha fatto da mediatore ed è riuscito a far firmare un armistizio con tappe in più fasi di realizzazione, garantito per 5 anni dal dispiegamento di circa 2000 soldati russi (con carri armati e blindati). Un titolo di un nostro quotidiano scriveva “Putin Impone la pace” con un vago senso di coercizione.

Alla fine di novembre i soldati russi sono dispiegati, le fasi del ritiro armeno vengono rispettate e anche la richiesta armena di piccoli ritardi per forza maggiore non crea tensioni. La Turchia ha cercato di inserirsi come attore della trattativa e anche di posizionare suoi militari sul terreno con i russi, ma Putin non lo ha permesso. Allora ha chiesto al parlamento turco di autorizzare l’invio di soldati “per fini umanitari” e ha proposto di allargare ad altri stati la partecipazione alla “stabilizzazione” della situazione. Forse sottintende il Gruppo di Minsk (USA, Francia, Russia) che in precedenza non era riuscito a mediare.

Sul terreno servizi TV di Euronews mostrano una situazione tranquilla, movimenti nei due sensi ai check point del corridoio di Lachin, che è il canale garantito di contatto tra Armenia e Nagorno Karabakh, ancora sotto controllo degli armeni, Profughi armeni intervistati affermano di voler tornare a Stepanakert, capitale del Nagorno.

Ora è il momento delle proposte geopolitiche, ma essendo finita la guerra, le distruzioni, le morti, i profughi, i casi lacrimevoli, i servizi TV e i quotidiani parlano di altro.

Ora che i combattimenti sono fermi è il momento di fare proposte politiche per una soluzione stabile. Proposte che abbiano come perno, secondo lo statuto dell’ONU e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948,  il rispetto dei diritti degli individui ovunque essi si trovino e la protezione delle minoranze.

Sotto il controllo ONU-russo un’ampia autonomia amministrativa degli armeni del Nagorno Karabakh con libertà di uso della lingua, sia pure entro lo stato azero; mantenimento del corridoio garantito di Lachin (sono circa 9 chilometri) tra Armenia e Nagorno Karabakh. Potrebbe essere una via d’uscita che dia tempo ai due gruppi umani di ricominciare a frequentarsi e a smorzare l’odio scatenato dalla propaganda delle due parti. E anche a smorzare il risentimento per i reciproci torti subiti.

Turchia e Russia in Siria: alleati instabili, amici impossibili (4 marzo 2020)

Perché amici impossibili? Tutti i gruppi umani si inventano la propria identità e quando questo processo diventa nazionalismo, cioè rivendicazione politica di un territorio “proprio”, si cercano, si aggiustano, si inventano fatti storici e caratteri culturali che sostengano l’identità nazionale proclamata. Questo processo, costruito nel tempo, ha maggiore o minore effetto a seconda dei caratteri culturali specifici dei gruppi umani (quelli che il geografo francese di fine Ottocento Eliseo Reclus chiamava “genere di vita”) e a seconda delle vicende storiche svoltesi nel o intorno al territorio rivendicato come “proprio”.

Russi e turchi hanno costruito una grande considerazione della propria cosiddetta identità riferita anche al reciproco passato imperiale, ma fino alla prima guerra mondiale si sono fatti la guerra numerose volte per contendersi territori; soprattutto a partire dalla seconda metà del 1600 e nell’intero Settecento nell’area del Mar Nero occidentale (inclusa la Crimea), mentre nell’Ottocento il fulcro dello scontro fu prevalentemente nei Balcani tranne che nella guerra di Crimea del 1854-56, che però fu la conseguenza dei contrasti balcanici. Per questo rimane ancora oggi un sottile sentimento reciproco di “essere nemici” anche se la Russia di Putin e la Turchia di Erdohan negli anni recenti hanno intrecciato relazioni variabili, ma incentrate su una alleanza pragmatica di interessi.

I due leader sono ambedue nazionalisti con aspirazioni di egemonia/controllo e prestigio (internazionale). La Russia con un ruolo più globale grazie alla sua continuità con l’Unione Sovietica dal punto di vista militare (dispone di circa settemila testate nucleari), la Turchia alla ricerca di un ruolo di potenza regionale nelle aree un tempo facenti parte dell’impero ottomano. E con qualche volontà di “recupero” di territori considerati come “rubati” dai trattati di Sévres del 1920 e di Losanna del 1923. Sono ambedue leader pragmatici, spregiudicati, abili nel controllo del potere interno (con repressione degli avversari per vie giudiziarie e incarceramenti in attesa di processo) e nell’uso della narrazione eroico-nazionalista per suscitare il consenso popolare, e infine, e non è secondario, capaci di utilizzare al meglio le contraddizioni tra principi e azioni concrete nella geopolitica internazionale per permettersi azioni di forza limitate, ma utili ai loro fini.

Contraddizioni evidenziate dalle ripetute dichiarazioni ufficiali dei leader mondiali di appoggio a soluzioni negoziate e pacifiche per le crisi geopolitiche, quando nell’evidenza dei fatti tali crisi sono state quasi sempre provocate da azioni di forza, gestite con azioni di forza e con attori che cercano soluzioni vittoriose grazie ad azioni di forza (vedi il caso recente di Haftar e della Libia). Per citare il generale Carlo Jean durante una conferenza all’ISPI di Milano nel 2006: la legalità internazionale la fa il più forte. I forti sono pochi e anche gli opportunisti capaci di sfruttare queste contraddizioni. Ma i danni provocati possono essere molti e soprattutto gli effetti ricadono sui civili, talvolta con numeri rilevanti come pure le sofferenze patite per anni.

E la logica delle valutazioni delle ragioni e dei torti, come pure delle narrazioni mediatiche di ciò che avviene, rimane sempre quella del noi contro loro; “noi” siamo gli occidentali e nostri alleati (in questo caso la Turchia), “loro” sono la Russia che sostiene Bashar al Assad, e l’Iran.

Per Putin il primo esercizio pratico di questa forzatura delle regole può essere identificato con la crisi in Georgia nel 2008 in relazione ai territori secessionisti georgiani dell’Abkhazia e dell’Ossezia del sud protetti dai russi, mentre per Erdohan la crisi siriana è stata l’occasione per mettere in pratica il neo-ottomanesimo di cui alcuni commentatori avevano cominciato a parlare intorno al 2010.

Le cosiddette primavere arabe dell’inizio del 2011 hanno provocato effetti dirompenti dal punto di vista degli assetti istituzionali di molti stati nell’area Mediterranea e del Medio Oriente; con risultasti apparentemente contraddittori, per chi ha voluto interpretarle con la sola visione esterna, “occidentale” e omnicomprensiva, ma in realtà sostanzialmente coerenti con le singole realtà socio-politiche locali per chi ha voluto invece usare un approccio critico, e geografico aggiungo io. Ogni stato va valutato considerando le caratteristiche specifiche, anche sociologiche e territoriali e non solo la “rappresentazione” che si da o che gli viene attribuita.

Senza ripercorrere nel dettaglio la crisi siriana iniziata nei primi mesi del 2011 con manifestazioni pacifiche contro l’impunità dei funzionari del regime di Assad e la corruzione, pesantemente represse (con morti), si può ricordare che nel giro di pochi mesi ci sono state le defezioni di militari che hanno dato vita all’Esercito Siriano Libero (FSA in inglese) che si è opposto con le armi alla repressione. L’occidente si è schierato subito contro Bashar al Assad e la narrazione quasi univoca è stata che “aveva perso la legittimità perché bombardava il proprio popolo”. Ma non basta che qualche leader occidentale lo dica per “delegittimare” un governo in carica.

Erdohan da amico di Assad (hanno fatto le vacanze insieme le due famiglie) è diventato un suo fiero oppositore per il suo rifiuto di usare la sua proposta di mediazione. Attraverso la lunga linea di confine turca (quasi 800 chilometri) hanno cominciato a convergere in Siria combattenti (più o meno jihadisti) e armi, una parte dei quali ha dato poi corpo allo Stato Islamico di Iraq e Siria (Daesh, l’acronimo in arabo) che ha conquistato e gestito dal 2014 al 2019 una buona parte del territorio siriano centro-orientale.

I russi si sono schierati subito dalla parte di Bashar al Assad con la giustificazione che era il governo legittimo e la motivazione pratica di difendere e conservare l’unica base navale militare che hanno nel Mediterraneo, a Tartus in Siria. Mentre noi occidentali abbiamo cominciato a sostenere politicamente e con qualche aiuto discreto i ribelli anti Assad. Salvo poi spaventarci quando questo aiuto ha dato origine inaspettatamente ad una formazione super fondamentalista islamica che è riuscita in poco tempo a conquistare territorio in Siria e Iraq, a mobilitare appoggi e combattenti in tutto il mondo musulmano e anche europeo grazie ad una spregiudicata ed efficace campagna mediatica via internet, fatta di gesti eclatanti, omicidi in diretta, sgozzamenti e attentati sul territorio stesso del “nemico crociato”, come dicevano. Da ricordare che daesh vendeva sottobanco il petrolio iracheno e siriano dei pozzi che controllava tramite una lunga fila di camion cisterna da e per la Turchia e che il rifornimento di armi avveniva prevalentemente attraverso il confine turco visto che tutti gli altri confini erano di stati a loro contrari.

Quindi Turchia e Russia si trovavano e si trovano schierate su fronti opposti. Eppure questo non ha impedito loro di avere relazioni diplomatiche e commerciali altalenanti, ma sostanzialmente buone. La crisi siriana è stata discussa a Sochi, in Russia o ad Astana in Kazachistan, più di una volta tra Russia, Turchia e Iran. L’abbattimento di un aereo da combattimento russo nel nordest della Siria da parte turca ha provocato un congelamento dei commerci e delle relazioni per qualche mese, ma poi la Turchia, membro della NATO, ha deciso di comprare dalla Russia i missili SS400 non curandosi delle proteste degli alleati.

Lo sviluppo della crisi interna alla Turchia della questione curda, con conseguente repressione e coprifuoco imposto nel sudest del paese dal 2015, e del multi-decennale conflitto, anche armato, con il PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan), partito considerato terrorista anche da USA e dalla UE, ma non da una recente sentenza della Corte di Giustizia europea, questo contrasto, dicevo, si è evidenziato in parallelo con il fatto concreto che i combattenti curdi dei cantoni nel nord e nordest della Siria si sono mostrati i migliori combattenti sul terreno contro daesh; prima nel difendersi (il caso di Kobane nel 2014 ha avuto rilevanza mediatica mondiale) e poi nel contrattaccare e conquistare passo dopo passo, villaggio dopo villaggio tutto il territorio controllato da daesh in Siria. Combattenti così efficaci da meritare l’appoggio aereo degli USA e l’invio discretissimo (e limitato) di soldati statunitensi, francesi e inglesi per dare loro supporto tecnologico-logistico.

I curdi del PYD (Partito dell’unione democratica) siriano hanno attivato due formazioni di combattenti “di difesa popolare”, YPD (misto) e YPJ (solo femminile), e hanno non solo riconquistato terreno, ma sono arrivati fino a liberare Raqqa, una delle due capitali dello stato islamico e a eliminare i gruppi jihadisti fino al confine con l’Iraq. Nel momento in cui liberavano da daesh il territorio siriano i curdi organizzavano la società del Rojava (occidente, in curdo) secondo un modello di municipalismo democratico molto decentrato proposto tra il 2005 e il 2011 dal leader del PKK Abdullah Őcalan, unico prigioniero nel carcere turco di Imrali dal 1999. Questo modello di democrazia, che potremmo definire estrema anche per i nostri criteri occidentali, pur in una situazione di guerra è in funzione progressivamente dal 2015 e ha come riferimenti ideali l’ecologismo, il femminismo e la democrazia diretta (di villaggio e/o di quartiere di città).

Grazie alle vittorie contro daesh i curdi si sono trovati ad amministrare un territorio ben più grande del Rojava, cioè il territorio a prevalenza di abitanti curdi; la loro proposta socio-politica però è stata allargata a tutte le componenti presenti a prescindere dalle appartenenze linguistiche e religiose (arabi, turcomanni, assiri, arabi cristiani e yezidi

[anche se questi ultimi sono curdi, ma di religione yezida]

).

I curdi hanno dichiarato nel 2012 l’Amministrazione autonoma della Siria del nordest, tra il 2016 e il 2017 è stata chiamata Federazione Democratica del Rojava – Siria del Nord, e dal 2017 Federazione Democratica della Siria del Nord,  e hanno dichiarato che non intendono cambiare i confini della Siria per rivendicare un nuovo stato curdo indipendente, ma che sono disposti a trattare con e a riconoscere qualsiasi governo di Damasco che riconosca la loro autonomia amministrativa secondo il loro modello democratico. Per questo nella fasi della lotta contro daesh l’accordo con Damasco è stato che i curdi avrebbero operato ad est dell’Eufrate mentre l’esercito siriano a ovest e che non ci sarebbero stati scontro tra le due parti. Finora lungo l’Eufrate questo accordo è attivo anche dopo la sconfitta di daesh.

Sia l’esercito siriano di Assad, che in qualche occasione i curdi (a Raqqa per esempio), hanno concesso agli irriducibili di daesh e alle loro mogli e figli che se si fossero arresi avrebbero potuto essere trasportati nella provincia di Idlib, ultima roccaforte rimasta dei vari gruppi ribelli contro Assad; gruppi misti, dall’Esercito Siriano Libero ad altri più o meno jihadisti. E oggi, gennaio-febbraio 2020 la concentrazione a Idlib di tutti gli oppositori armati al governo di Bashar al Assad rappresenta il problema geopolitico maggiore perché l’esercito governativo vuole “liberare” almeno una parte delle territorio di Idlib per controllare le due principali arterie della zona che collegano Aleppo a Damasco e Aleppo alla costa del Mediterraneo dove si trova la zona abitata prevalentemente dagli alauiti, il gruppo socio-religioso cui appartiene anche la famiglia Assad e molti personaggi di potere a Damasco.

La Turchia e Erdohan però hanno visto un pericolo nella conquista territoriale curda che lasciava intuire che il Rojava avrebbe unificato i 4 cantoni curdi e avrebbe dato loro il controllo di quasi tutto il confine tra Siria e Turchia. Per questo l’esercito turco è entrato nel 2016 in Siria per impedire il ricongiungimento dei tre cantoni orientali con quello di Afrin, il più occidentale e contornato per due terzi dalla Turchia. Opportunisticamente l’esercito turco ha garantito la sicurezza ai gruppi locali di daesh per poter entrare senza combattere e controllare la zona intorno alla città di Jarabulus. I curdi nell’area sono rimasti attestati a Mambij, a ovest dell’Eufrate, anche grazie alla presenza di soldati statunitensi in loro appoggio contro daesh.

Ma nel gennaio-aprile del 2018 Erdohan ha ordinato una seconda invasione in Siria per la conquista del cantone a maggioranza curda di Afrin; ufficialmente per proteggere la Turchia dal terrorismo dei curdi grazie ad una operazione militare chiamata “ramoscello di ulivo”. La distanza tra realtà fisica e narrazione (simbolica) è sempre più evidente in geopolitica. Visto che il cantone di Afrin, per il rimanente terzo, confina con la provincia di Idlib, i turchi hanno utilizzato milizie jihadiste in appoggio alle proprie truppe lasciando loro mano libera nelle operazioni di occupazione delle città e villaggi. Tali azioni militari hanno provocato una fuga di civili dall’area verso Aleppo e le zone sotto controllo governativo (o verso piccole zone curde) stimata variamente da 100mila a 300mila civili.

Erdohan ha lanciato una terza offensiva militare in Siria nell’ottobre del 2019 contro il Rojava e  in particolare nella parte centrale della lunga linea di confine per realizzare, secondo la versione turca, una fascia di sicurezza profonda 32 chilometri e lunga 120 contro il terrorismo curdo; il nome dell’operazione militare è ironicamente “fonte di pace”. Tale operazione ha potuto realizzarsi grazie al silenzio della NATO, di cui la Turchia è il secondo esercito come consistenza dopo gli USA, e soprattutto perché il presidente Trump ha deciso di ritirare quelle centinaia di soldati statunitensi che avevano appoggiato i curdi contro daesh, ridislocandoli  a protezione dei pozzi di petrolio siriani vicino a Deirezzor; motivo ufficiale: impedire che potessero essere usati da daesh (in realtà già sconfitto e presente solo con cellule nascoste che agiscono tramite attentati).

L’entrata in Siria è stata anche quasi concordata con la Russia perché i soldati russi e l’esercito governativo siriano hanno preso posizione nelle postazioni degli statunitensi e hanno iniziato, i russi, a fare anche pattugliamenti congiunti coi turchi lungo le strade che ricalcano sostanzialmente quella distanza di 32 chilometri dal confine da cui i combattenti curdi si sono ritirati senza fare resistenza. Anche questa invasione ha provocato la fuga di una parte dei civili stimata in decine, forse un centinaio di migliaia di civili. E anche qui i turchi si sono avvalsi di jihadisti di Idlib cui hanno lasciato il lavoro sporco cercando di mostrarsi come forza di interposizione a livello di immagine. In realtà continuando a colpire con mortai, cannoni e attacchi aerei villaggi nella zona rimasta curda del Rojava.

Bashar al Assad e i russi hanno preso tempo e non hanno contrastato l’azione turca perché faceva loro gioco l’indebolimento dei curdi; i curdi in difficoltà difensiva sono più deboli nella trattativa con il governo di Damasco. E inoltre sono riusciti senza colpo ferire a riprendere il controllo di aree e punti a ridosso del confine che avevano abbandonato nel 2012. E Bashar al Assad ufficialmente è ancora contrario ad una Siria federale con zone amministrativamente  autonome dal governo centrale come vorrebbero i curdi.

 Ma secondo me Erdohan si aspettava un successo maggiore e cioè il disfacimento dell’esperienza socio-politico del  Rojava con il conseguente confronto armato tra l’esercito governativo, appoggiato dal cielo dai russi, e i combattenti curdi. Questo non è successo, il Rojava rimane in piedi (controlla circa un  quarto del territorio siriano), anche se parzialmente mutilato; e l’esercito di Assad ha invece puntato a recuperare il controllo della provincia di Idlib a occidente, ormai ultima roccaforte della vera resistenza armata contro di lui.

E’ paradossale che un accordo per un cessate il fuoco nei margini della provincia di Idlib (sottoscritto nel settembre 2018) sia stato concordato tra i turchi che sono presenti illegalmente in Siria, i russi che anche se appoggiano il governo sono forze straniere e gli iraniani, anch’essi stranieri, ma presenti con milizie da loro armate e sostenute in appoggio ad Assad. Insomma nella crisi ufficialmente “interna” della Siria tra un governo e i suoi oppositori gli attori esterni hanno giocato il ruolo militare più rilevante agendo dentro il territorio siriano: russi e iraniani con il governo, Turchia, USA, Francia, UK contro; per non parlare di Israele che è accreditato di almeno 200 bombardamenti mirati in Siria. E poi attori con Arabia Saudita, Emirati arabi e Qatar che con i loro soldi hanno sostenuto differenti gruppi armati ribelli (più o meno jihadisti: salafiti i Sauditi e gli Emirati, più vicini ai Fratelli Musulmani il Qatar).

L’azione militare governativa contro la provincia di Idlib ha provocato un’altra fuga di massa di civili. I media dicono 900mila profughi che sono un poco di più dei 700mila già in fuga in aprile 2019, perché è da tempo che l’esercito regolare erode territorialmente la zona di Idlib controllata dalle milizie ribelli stimate dai 40mila ai 60mila combattenti. Piuttosto che verso le zone governative e nonostante l’offerta di passaggi sicuri gli sfollati preferiscono muoversi verso il confine turco dove sono ammassati perché la Turchia li blocca visto che già ospita sul suo territorio un numero incerto di profughi siriani compreso tra i 3 e 4 milioni.

In queste dinamiche c’è sempre la possibilità che un incidente non voluto inneschi una escalation della crisi e del conflitto; in passato il già citato abbattimento di un caccia russo da parte dei turchi, poi di una aereo russo da parte della contraerea siriana per errore e il 27 febbraio scorso un bombardamento governativo ha ucciso 22 (poi diventati 34) soldati turchi presenti in Siria.

Il numero dei morti non consente alla Turchia di trovare una via d’uscita che salvi la faccia; questo ha costretto, a mio parere, Erdohan ad alzare i toni nazionalisti per il pubblico turco, cosa che peraltro fa normalmente, e a cercare una gratificazione e un sostegno internazionale da parte di USA, NATO e Unione Europea, dopo che ha agito per anni senza curarsene, in splendida solitudine e noncuranza di consuetudini, di cosiddette “regole” internazionali e di accordi da lui stesso firmati.

Ma la presenza stabile dei soldati turchi in Siria è indifendibile sul piano dei trattati firmati e degli statuti sia dell’ONU che della NATO e può essere tollerata, per quieto vivere e/o interessi nascosti,  solo se si fa finta di credere che la motivazione turca della lotta al terrorismo sia valida nel caso siriano; accettabile come scusa finché c’era daesh, ora non più. Ciononostante Erdohan ha ricevuto dichiarazioni favorevoli da parte di Trump e della NATO, in parte dalla UE, ma solo come solidarietà e condoglianze, ma non di condanna del governo siriano (e della Russia) che in effetti agisce per riconquistare parte del proprio territorio. Cosa che farebbe qualsiasi stato al mondo; cosa che fa Erdohan nelle zone curde nel sudest della Turchia ed un “diritto” che Erdohan rivendica per il suo recente aiuto armato al governo libico di al Sarraj, in contrasto con le dichiarazioni di embargo dell’ONU. Nel momento in cui la Turchia chiede sostegno e condanne l’ipocrisia dominante nelle relazioni geopolitiche viene messa troppo allo scoperto e tuttora, almeno a parole, non si superano certi limiti. Ma Erdohan, oltre ad essere autoritario e presuntuoso,  si è abituato ad anni di silenzio acquiescente se non di aperto appoggio in qualche occasione e così non demorde; per personaggi del genere perdere la faccia è più grave che subire una sconfitta militare che si può sempre raccontare in modo diverso.

Così ha scelto il ricatto vendicativo nei confronti del soggetto che considera debole e cioè l’Unione Europea, cercando di colpirla nel suo punto più delicato e problematico sul piano interno: quello della pressione migratoria. Ma la UE, pur nella sua debolezza sulla questione migratoria, è forse l’unica organizzazione mondiale che cerca di avvicinare il più possibile le dichiarazioni di principio con la realtà dei fatti; difficilmente potrà gratificare Erdohan con un appoggio incondizionato nonostante il suo ricatto. E anche perché lo stesso Erdohan ha infilato una serie di “sgarbi” geopolitici contro la UE e gli alleati, dall’acquisto di sistemi d’arma russi, al suo recente intervento a gamba tesa in Libia, alle intimidazioni a navi di paesi europei (Italia in primis) nelle aree delle concessioni esplorative dei fondali di Cipro.

Da qualche giorno i corpi turchi impegnati nel controllo delle frontiere e delle coste hanno ricevuto l’ordine di non fermare più i tentativi dei profughi di raggiungere la Grecia. Anzi, si parla di espliciti aiuti e sono certi i pullman gratis messi a disposizione da Istanbul per raggiungere il confine terrestre di Grecia e Bulgaria. Che reagiscono con forza con sbarramenti di filo spinato e gas lacrimogeni, in modo ancora più deciso e talvolta violento di quanto fece la criticata Ungheria di Orban nel 2016-17 e poi la Macedonia, finanziata dalla UE, di cui non è membro, proprio per fare quello stesso sbarramento.

La Grecia chiede l’aiuto europeo e i mass media, italiani in primis, (ri)scoprono che le migliaia di profughi sulle isole greche vivono da anni in condizioni terribili. A Lesbo in un campo pensato per più di 3mila ci vivono in 20mila. E la visita del papa di qualche anno fa non ha cambiato in nulla la situazione. Ma, come si dice: lontano dagli occhi, lontano dal cuore.

Il paradosso è che questa ondata di profughi non viene da Idlib; gli sfollati sono quasi tutti ammassati in territorio siriano lungo il confine con la Turchia che li fa entrare solo a piccoli contingenti. Ma sui nostri quotidiani (es. la Repubblica del 1 marzo) si mettono carte con frecce evidenti che collegano Idlib ai confini marittimi e terrestri greco-turchi sotto titoloni emotivi relativi all’isola di Lesbo dove muoiono i bambini, che però non sono di Idlib.

Un geografo critico con approccio antropologico nota che gli sfollati, in quanto esseri umani come tutti, scappano nella direzione opposta a dove si combatte. Quindi è inutile che il governo siriano e i russi dicano che garantiscono passaggi “umanitari” sicuri verso le aree governative. La Turchia fisicamente tiene ferma la massa degli sfollati lungo il confine perché intende usarla come arma geopolitica e fare la parte di chi si preoccupa del loro benessere; dopo che lei stessa ha provocato fughe di qualche centinaio di migliaia di sfollati curdi nelle sue operazioni militari. Della sicurezza di questi sfollati non si è preoccupato nessuno anche perché si sono rifugiati nel Rojava o nelle aree controllate dalle milizie curde.

Infine, visto che il governo siriano ha effettivamente ripreso il controllo di circa i due terzi della Siria la cosiddetta comunità internazionale (cioè i soliti pochi stati che contano e che hanno i soldi, compresa l’Unione Europea) potrebbero prendere in parola Erdohan circa le sue preoccupazioni umanitarie e organizzare con lui un corridoio umanitario che da Idlib, attraverso un  breve tratto terrestre in Turchia (si tratta di meno di 50 chilometri),  faccia arrivare gli sfollati sulla costa e poi via terra o anche trasbordarli via nave verso il confine siriano a sud, nella zona di Latakia, da cui gli sfollati potrebbero poi raggiungere zone tranquille in Siria, magari raggiungendo parenti e amici.

Di una cosa sono certo: nessuno dei cosiddetti leader penserà mai questa soluzione pratica, fattibile e coerente con i principi umanitari tanto sbandierati quando fa comodo. Perché le parole del ricatto, delle intimidazioni, dell’ipocrisia sono l’essenza della geopolitica degli stati e dei loro leader.

Erdohan e Putin dovrebbero incontrasi il 5 o 6 marzo in Russia e ancora una volta sono due capi di stato stranieri che si confrontano sulla Siria quando il vero problema ora è che l’esercito regolare dello stato siriano si trova a combattere direttamente con i soldati di un esercito regolare di uno stato confinante che si trovano illegalmente sul suo territorio. I turchi sono militarmente più forti, ma i siriani sono protetti dai russi. Masse di disperati dipendono dalle decisioni di pochissimi; sempre che siano sinceri.

E intanto le prime 10-12 pagine dei nostri quotidiani e il grosso dei servizi TV e dei talk show sono dedicati al Covid 19 (però chiamato sempre Coronavirus) e non si parla più di Libia, di Yemen, di Venezuela, di Corea del Nord, eccetera, come se quelle situazioni fossero risolte.

La crisi in Libia: tra dichiarazioni, supposte regole e legge del più forte (17gen2020)

Nell’ultimo podcast di dicembre dicevo che l’ONU è ostaggio dei 5 membri permanenti con diritto di veto e che la UE è ostaggio dei nazionalismi degli stati che la compongono. Le cose positive da dire sull’ONU è che dà da mangiare a milioni di esseri umani ogni giorno e che la UE la guerra non la vuole fare e propone sempre di negoziare. Il problema è che la geopolitica internazionale è gestita da pochi stati che agiscono o militarmente o in contrasto coi trattati, che pure hanno firmato, oppure al di fuori delle regole e delle convenzioni che interpretano a loro esclusivo vantaggio. Inoltre anche i caratteri delle personalità di alcuni leader hanno il loro peso.

I fatti recentissimi in Libia e nel confronto Trump-Iran sono stati le migliori prove a sostegno della mia tesi.

Per tranquillizzarvi affermo che nonostante i titoli dei quotidiani e i servizi TV non siamo alle soglie della terza guerra mondiale. E’ economicamente e elettoralmente più conveniente compiere piccole azioni di guerra, sempre ufficialmente in nome della pace, o sostenere attori locali che combattano per “noi”, magari contro “i terroristi” (che sono sempre gli altri). E come al solito un grave evento imprevisto (come l’abbattimento dell’aereo civile ucraino perché il sacro fuoco della vendetta acceca animi e occhi) farà calmare per un poco le acque. Si spera.

La legalità internazionale la fa il più forte o il governo che vuole rischiare nel forzare o interpretare le consuetudini facendo atti di forza e mettendo gli altri stati, cioè i pochi che contano in grado di muoversi, nella condizione di decidere se vale la pena agire con minacce o con azioni militari oppure limitarsi alle dichiarazioni retoriche (a volte non ci sono nemmeno quelle come nel caso della NATO sempre in silenzio contro la Turchia per le tre invasioni della Siria, nel 2016, 2018 e 2019).

Per essere onesti i leader che contano dovrebbero dire che in Libia il generale Haftar è la figura politica più coerente con il dichiarato principio di “stabilità” della cosiddetta comunità internazionale (cioè sempre i pochi stati che contano): meglio un leader “forte” che duri nel tempo (per i contratti economici e per il controllo dei migranti) che non sarebbe diverso da al Sisi in Egitto, dai monarchi del Golfo Persico, dallo stesso Erdohan, se quest’ultimo non fosse sempre più preso dalla presunzione rivendicativa neo-ottomana che crea qualche problema di immagine e nei fatti alle democrazie occidentali sue alleate.

Regimi autoritari come alcune monarchie del Golfo Persico, la Russia, l’Egitto appoggiano Haftar; con l’ambigua posizione della Francia che comunque ha riconosciuto geo-politicamente la leadership di Haftar (oltre a dargli discretamente qualche supporto concreto), e gli USA di Trump che non prendono posizione, ma il cui presidente telefona ad Haftar, anche perché va ricordato che il generale è diventato una ventina di anni fa un cittadino statunitense.

L’Unione Europea, nelle sue figure istituzionali e coerentemente l’Italia, rimane nei limiti formali delle dichiarazioni dell’ONU: cioè riconoscimento del governo di unità nazionale guidato da al Sarraj, divieto di fornire armi ai contendenti, cessate il fuoco e colloqui per una soluzione politica negoziata.

Banalmente lo stato di fatto è che alcuni membri dell’ONU non rispettano tali regole, anzi agiscono apertamente contro le dichiarazioni dell’ONU (che usano opportunisticamente se gli fa comodo come l’Egitto che protesta quando la Turchia agisce a favore di Tripoli quando loro lo fanno a favore di Haftar!). Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, unico organo abilitato ad intervenire, nemmeno si riunisce perché USA, Russia (e Francia) bloccano perfino la discussione del tema Libia.

In questo contesto la situazione al momento vede le forze del generale Haftar che, dall’offensiva lanciata nell’aprile del 2019, ha circa 4/5 della Libia sotto il suo controllo; anche se molte zone sono desertiche o poco abitate le sue forze sono le uniche che possono intervenire velocemente ed essere più consistenti di chi resiste. Il che vuol dire che controlla la gran parte dei pozzi petroliferi e di gas, che continuano a produrre fonti energetiche (con un ruolo importante dell’ENI italiana), che vengono regolarmente vendute dalla NOC, l’ente di stato con sede a Tripoli a cui unicamente si riconosce il diritto di vendere e incassare i soldi i quali ….. venivano passati anche ad Haftar e a pagare pensioni e stipendi della Cirenaica che è la sua base; almeno fino ad aprile 2019 quando è iniziato l’attacco del generale a Tripoli.

Questa è la questione di fondo: navi “internazionali” bloccano e rimandano indietro le petroliere che hanno provato a rifornirsi da Haftar pagando direttamente a lui. Si tratta di una guerra per la spartizione dei soldi del petrolio e gas che per la Libia, poco abitata, sono tanti. Finché non si vede scritto in eventuali accordi quanti soldi andranno alla Cirenaica e che ruolo istituzionale può avere Haftar nella futura Libia, non c’è speranza che siano firmati oppure che, anche se sottoscritti, durino nel tempo. I “nostri” interessi (cioè quelli dell’ENI”) si trovano prevalentemente nella Tripolitania (nell’ovest del paese), dove si trova anche il gasdotto che porta direttamente in Italia il gas libico; e siccome i gasdotti non si possono muovere la Libia può esportare gas solo verso o attraverso l’Italia. A meno che la Libia decida di iniziare a congelare il gas e a venderlo tramite navi, ma ci vogliono investimenti e tranquillità politica per farlo.

Haftar assedia Tripoli e le città o le zone delle milizie locali che appoggiano al Sarraj; soprattutto le milizie di Misurata, le più forti, e quelle di Zintan. In dicembre sembra che le forze del generale siano riuscite ad essere più efficaci grazie anche all’aiuto dei mercenari russi di una compagnia privata, la Wagner. Vedete? Formalmente la Russia può dichiararsi a favore dei negoziati e del cessate il fuoco, perché dice che i mercenari sono altra cosa e la Russia non c’entra. A questo punto il presidente turco Erdohan fa approvare dalla maggioranza volontariamente asservita del parlamento turco (dopo che ha incarcerato molti deputati dell’opposizione) l’invio di armi, milizie (quelle siriane [e jihadiste] di Idlib in Siria, che sono sotto attacco di Assad e dei russi) e militari turchi, definiti “istruttori”. Contro le dichiarazioni dell’ONU,  contro lo statuto della NATO, e in cambio di un accordo con Sarraj sullo sfruttamento dei fondali del Mediterraneo che esclude gli interessi legali riconosciuti di Cipro e della Grecia.

Il paradosso è che al Sarraj è sostenuto da milizie musulmane idealmente vicine ai Fratelli Musulmani, che Haftar definisce terroristi islamici, dalla Turchia musulmana e dal Qatar emirato musulmano del Golfo Persico, mentre il generale è sostenuto dall’Egitto musulmano, dagli Emirati e dall’Arabia Saudita musulmani oltre che indirettamente e discretamente dalla Russia (cristiana ortodossa e anche atea), oltre che ancor più discretamente da USA e Francia che storicamente si sono proposti e ancora pretendono di essere i migliori esempi di separazione tra stato e religione in politica. E la recente dichiarata conquista della città di Sirte sembra sia dovuta al cambio di schieramento della Brigata 604 che ha consentito ad Haftar di avanzare; Roberto Bongiorni sul Sole24 ore del 10 gennaio ricorda che la Brigata 604 ha miliziani salafiti, più rigidi nell’interpretazione dell’islam rispetto ai Fratelli Musulmani (appoggiati dalla milizia di Misurata) e che quindi Haftar dovrebbe considerare ancor più “terroristi islamici” degli altri. Ma Haftar già usa alcune milizie salafite tra le sue truppe.

Visto che Tripoli non gli dà i petrodollari come fa Haftar a combattere? Russia, Egitto (e un po’ la Cina come semplice venditore per esempio di droni, come vende i gommoni ai trafficanti di migranti) ci mettono le armi e Arabia Saudita e Emirati ci mettono i soldi. La Francia qualche supporto tecnologico sofisticato. Dalla parte di Tripoli la Turchia ci mette le armi e il Qatar i soldi.

Così ora la Libia è divisa in due parti, anche tre se consideriamo che i territori del sud sono in realtà controllati dalle milizie tuareg a sud-ovest e dalle tribù localmente nomadi a sud-est che decidono di allearsi con il maggior offerente di vantaggi economici. Dal mio punto di vista la gabbia mentale geopolitica della cosiddetta “integrità territoriale” crea sempre più danni e ricadute negative soprattutto sulla popolazione civile; in questo caso è l‘idea che la Libia debba o possa essere solo “una” per essere stabile e pacifica,  non tenendo conto, come al solito, della storia, della geografia, dei gruppi umani che vivono in quello specifico territorio. Tripolitania, Cirenaica e Fezzan, rispettivamente autonome che si dividono la torta della rendita petrolifera potrebbero essere più disposte a cooperare in una Libia federale o, meglio ancora, confederale.

USA-Iran e divisioni tra stati musulmani, tra fatti e narrazioni (17gen2020)

In Libia il paradosso è che il conflitto interno ad un paese musulmano è un conflitto con attori sostenuti da forze esterne, molte delle quali musulmane, ma divise tra loro in campi opposti. Questo in netto contrasto con l’immagine ancora diffusa a livello di percezione popolare in Occidente di un islam monolitico che agisce in modo compatto. Il sistema mediatico non può più rappresentare il pericolo musulmano come unitario e anti-Occidentale come ha fatto per anni dopo l’attacco alle Torri Gemelle a New York nel 2001 e dopo gli attentati terroristici in Europa.

In realtà è in atto già da qualche decennio uno scontro interno al mondo musulmano che ha a che fare proprio con la questione del rapporto tra politica (e società) e religione. Il complesso rapporto con la cosiddetta modernità ha voluto dire per il mondo musulmano, nel suo complesso e nelle sue molto differenziate sfaccettature, come risolvere istituzionalmente, giuridicamente e nelle pratiche sociali il rapporto tra la politica e una religione che fa riferimento ad un dio unico e quindi ad un’unica pretesa verità. Verità che è stata sempre interpretata dagli esseri umani, quasi sempre maschi, e in contesti storici che necessariamente cambiano nel tempo.

I tre principali soggetti geopolitici di questa dinamica, va sottolineato moderna, nel mondo musulmano sono 1) l’Arabia Saudita (appoggiata dalle altre piccole monarchie del Golfo, anche se non tutte) e la sua interpretazione dell’islam (anche politico) secondo il conservatorismo wahhabita e le tradizioni beduine, 2) la proposta “moderna” dell’islam politico dei Fratelli Musulmani, nata in Egitto e quindi post coloniale e in rapporto con lo stato moderno; in una prima fase violenta contro le élite corrotte e filo occidentali, oggi più disposti verso le elezioni nei paesi musulmani dove sanno di poter vincere 3) la visione teocratica iraniana di Khomeini che dopo l’estromissione dello scià Reza Pahlevi nel febbraio 1979 ha teorizzato e realizzato con mezzi brutali un islam sciita che abbandona il tradizionale distacco dalla politica e si attiva invece come modello di stato islamico, non a caso repubblicano e non monarchico-beduino. A titolo di esempio: in Arabia Saudita le donne sono escluse dalla soggettività politica e sociale pubblica, mentre in Iran si vota senza discriminazioni di genere dai 16 anni e hanno anche ruoli politici pur se tutte devono obbligatoriamente coprirsi in pubblico.

Nelle dinamiche geopolitiche Arabia Saudita, Emirati, vari leader militari (anche arrivati al potere con colpi di stato) sono alleati validi per l’Occidente se hanno un potere interno stabile, se fanno affari con noi e costruiscono grattacieli (ciò che chiamiamo “essere aperti alla modernità”), se sono affidabili (cioè non cambiano bandiera e restano stabilmente nostri alleati); durante la Guerra Fredda con l’URSS portare dalla propria parte gli stati che man mano diventavano indipendenti era uno degli sforzi principali nella geopolitica. Oggi la preoccupazione rimane la stessa e gli stati che si propongono con una visione indipendente (non importa quale sia e quanto sia credibile) sono “instabili” e tendenzialmente nemici. Di volta in volta e in generale lo sono stati (e alcuni ancora lo sono) la Libia di Gheddafi, la Corea del Nord, il Venezuela di Chavez e poi di Maduro, l’Afghanistan dei talebani, l’Iran di Khomeini, per fare qualche esempio.

Il caso Iran ha però avuto un risalto particolare perché la sua proposta politica è entrata in rotta di collisione diretta con l’Arabia Saudita rinfocolando la primaria divisione tra sunniti e sciiti che ha spaccato da quasi subito la comunità musulmana dopo la morte di Maometto proprio sulla questione di chi fosse il più adatto a “guidare i credenti”: chi era del sangue del profeta (cioè Ali e quindi quelli dalla sua parte: scia Ali, gli sciiti) o chi era scelto dal consenso della comunità come da tradizione e costume (la sunna)? Questione complicata modernamente dal fatto che la proposta iraniana si appoggia su istituzioni repubblicane mentre i custodi dei luoghi sacri e i suoi vicini mantengono strutture monarchiche assolutiste.

Per logiche di schieramento geopolitico, di convenienza economica e di visione del mondo l’Iran, diventata una repubblica teocratica in pochi anni, non poteva che essere “nemico” dell’Occidente. Così nemico che abbiamo appoggiato Saddam Hussein che gli ha fatto la guerra per 8 anni dal 1980 al 1988 senza riuscire a sconfiggerlo; un Saddam Hussein diventato a sua volta nemico pubblico numero uno per sua protervia e per motivazioni false e pretestuose dopo l’attacco alle Torri Gemelle di New York nel 2001 in cui non centrava niente.

Per l’Iran gli USA sono diventati il satana mondiale, responsabile di tutti i mali del mondo soprattutto nel Medio Oriente grazie anche ai suoi protetti Israele e Arabia Saudita; per gli USA l’Iran è diventato la fonte di pericolo costante per tutto il Medio Oriente, sobillatore di rivolte e finanziatore di atti terroristici. Dal sequestro dei diplomatici statunitensi a Teheran (per il quale gli USA non smetteranno mai di volersi vendicare) e dalla guerra di Saddam Hussein (per la quale l’Iran non perdonerà mai gli USA) il confronto-scontro è continuato con azioni di guerra limitate, attentati, minacce reciproche, attacchi digitali e qualche raro caso di negoziazione; con effetti collaterali indesiderati (così li chiamano), come l’abbattimento di un aereo di linea iraniano da parte di una nave militare USA nel Golfo Persico il 3 luglio 1988: 290 vittime civili.

La questione del nucleare iraniano (solo civile dicono loro, per farsi le bombe dicono gli USA e Israele) è diventata la cornice (ideologica e fattuale) di questo scontro e della narrazione prevalente dei mass media mondiali. In suo nome prima dell’accordo sul nucleare del 2015 le sanzioni economiche decise dal’ONU hanno colpito la rendita petrolifera iraniana; dopo l’accordo l’Iran si aspettava un alleggerimento delle sanzioni fino alla loro scomparsa, ma Trump si é ritirato dall’accordo e ha aumentato le sanzioni, operando lo stesso tipo di ricatto che ho descritto nel mio precedente  podcast: chi fa affari con l’Iran (o compra il suo petrolio) non commercerà più con gli USA. La UE ha cercato di trovare una via d’uscita (anche perché non ha rinnegato l’accordo con l’Iran), ma il ricatto economico della più ricca economia mondiale divide gli stati “sovrani” della UE che puntano solo ai propri cosiddetti interessi nazionali. La situazione economica interna dell’Iran peggiora sempre più e gli USA di Trump sperano con questo che il regime degli ayatollah crolli.

L’uccisione mirata in Iraq da parte degli USA del generale Soleimani ritenuto, per prestigio e ruolo, secondo solo alla Guida Suprema Khamenei è stato in questo senso in continuità con lo scontro in atto, anche se di livello molto alto; più in relazione con la personalità egocentrica di Trump che per una valutazione razionale della sua utilità. Una uccisione presentata dall’ambasciatrice statunitense all’ONU in una lettera al Consiglio di Sicurezza come “un atto di auto-difesa”, così riporta Riccardo Barlaan sul Sole24ore del 10 gennaio. Un’autodifesa fatta a migliaia di chilometri di distanza dal proprio territorio, in un paese terzo senza nemmeno avvisarlo; una soggettiva interpretazione del cosiddetto diritto internazionale, fatta dal paese militarmente più forte del mondo.

Morto un capo ce n’è pronto subito un altro, probabilmente di minor qualità di Soleimani. E paradossalmente mentre la ritorsione iraniana è stata più morbida di quanto ci si potesse aspettare dopo le grandi manifestazioni di massa di cordoglio in Iran per i funerali di Soleimani, cinicamente si deve dire che l’abbattimento per errore di un aereo di linea iraniano da parte della propria contraerea (che si aspettava la contro-ritorsione USA) è stato un elemento calmierante del conflitto anche perché ha rinvigorito una opposizione interna al regime che già ha manifestato più volte in passato pur subendo pesanti repressioni.

Per concludere la situazione conflittuale dei casi dell’Iran e della Libia non è cambiata in modo significativo anche se alcuni eventi alzano il livello dello scontro (soprattutto emotivo e mediatico) e aumentano la conseguente possibilità che non si riesca a controllare la situazione o che le dinamiche non si auto-riequilibrino come spesso fanno.

I pochi attori in gioco rimangono gli stessi con le stesse caratteristiche. Fattori nuovi possono venire solo da nuovi approcci geopolitici di cui però non si vede traccia nei leader attuali, da eventi imprevedibili che danno una scossa alle dinamiche e magari da qualche mossa di Trump che vuole essere rieletto presidente a novembre, è sotto impeachment, e quindi ha bisogno di gesti simbolici, fatti e dichiarazioni che sostengano la sua immagine di leader forte e vincente che piace tanto ad una bella fetta di elettori bianchi statunitensi (maschi e femmine) convinti che gli USA abbiano un “destino manifesto” (voluto da dio) di guidare il mondo.

In tutto questo sanzioni economiche per violazione dei diritti umani, troppe condanne a morte, repressione e incarceramento di gruppi etnici, crimini ambientali, ecc. non sono mai utilizzate.

I limiti fisici e culturali nel Medio Oriente e di Daesh (gennaio 2019)

I limiti fisici e culturali nel Medio Oriente e del cosiddetto Califfato

Fabrizio Eva, 31 gennaio 2019

Le dinamiche geopolitiche contemporanee vanno sempre lette nel contesto territoriale e culturale più ampio rispetto alle zone dove effettivamente si stanno verificando i fatti. Ed è necessario anche cercare di individuare quali fattori vengono dal passato e da quanto lontano. Questo è il tipo di approccio del geografo politico, che parte dall’oggi, pratica la comparazione e risale al passato di alcuni fattori per verificare quanto sia lunga la loro durata.

Nel caso delle dinamiche del Medio Oriente, nel caso specifico il territorio della Mesopotamia storica, i fattori principali da considerare sono sostanzialmente tre: 1) la specificità delle strutture socio-culturali presenti, 2) le fasi storiche che si sono succedute e il cambio di “visioni” che hanno comportato, 3) gli effetti del colonialismo prima e dopo la formazione degli stati-nazione “guidata” da inglesi e francesi.

Oggi la situazione va vista anche all’interno delle grandi dinamiche geopolitiche globali che sono orientate dal gioco delle grandi potenze (i cinque membri permanenti con diritto di veto al Consiglio di Sicurezza ONU) e dalle potenze regionali che cercano uno “spazio” localmente: Arabia Saudita, Iran, Turchia. Fa parte del quadro complessivo anche la situazione di neocolonialismo economico centrato sulla necessità di controllo della produzione energetica (petrolio e gas) così necessaria al nostro stile di vita e che orienta, se non determina, le nostre alleanze geopolitiche, a favore di Egitto (nonostante il colpo di stato) e Arabia Saudita, che interpreta l’islam in modo più rigido dell’Iran.

Per quanto riguarda la specificità delle strutture socio-culturali presenti dobbiamo sottolineare che ci sono diversi islam (divisione sciiti e sunniti), ma anche diversi modi di vivere e praticare la religione nei diversi stati. La ormai pluridecennale divisione confinaria ha innescato la formazione di pratiche e visioni “nazionali” circa il rapporto tra politica e religione. In Libano, in Giordania o in Egitto sarebbe inaccettabile un controllo “visivo” e spaziale sulle donne come in Arabia Saudita.

Le fasi storiche che si sono succedute in Mesopotamia sono sostanzialmente 4: l’impero ottomano fino alla prima guerra mondiale, 2) i mandati inglese e francese tra le due guerre, 3) il periodo della presa del potere dei militari “modernisti” e laici poco dopo la seconda guerra mondiale, 4) la riproposizione dell’islam come proposta politica di gestione dello stato dal 1980 (circa) in poi.

Sotto l’impero ottomano i poteri e i nobili locali avevano un discreto margine d’azione purché riconoscessero l’autorità del sultano, dei turchi e pagassero le tasse. Questo non ha impedito lo scoppio ripetuto di rivolte dovute ai contrasti (anche storici) tra i diversi gruppi locali e/o per protesta per le condizioni di inefficiente dominio dell’impero. In questo contesto i curdi periodicamente sono riusciti a ritagliarsi degli spazi di autonomia.

Durante i mandati inglese e francese vennero formati gli stati nazionali dell’intera area, ma sotto controllo di tipo coloniale, con istituzioni (regni con gli inglesi e repubbliche con i francesi) e soprattutto confini definiti dalle potenze mandatarie. I confini decisi dall’alto sono una delle cause della conflittualità odierna tra gruppi umani perché costretti entro uno stesso stato o divisi da linee di separazione subite. Da segnalare il periodo tra il Trattato di Sevres (1920) e il Trattato di Losanna (1923) perché la Turchia da soggetto inesistente, con conseguente spartizione del suo territorio tra protettorati (di Inghilterra, Francia, Grecia e Italia) e promesse di futuri stati indipendenti (Armenia e Kurdistan) diventa (dopo aver sconfitto militarmente i greci) uno stato-nazione riconosciuto con i confini vicini a quelli attuali a spese di greci (espulsi) e armeni e curdi che non ottengono il loro stato. Kemal Atatürk con la sua scelta di laicismo modernista e nazionalista turco diventa il più affidabile nell’area per le potenze mandatarie (Regno Unito e Francia).

Dopo la seconda guerra mondiale la progressiva fine del controllo inglese e francese su stati corrotti e inefficienti ha stimolato la diffusione di colpi di stato militari (da Nasser nel 1952 a Gheddafi nel 1969) che avevano l’obiettivo dichiarato di raggiungere una reale indipendenza e di modernizzare i propri stati. Forte ruolo politico dei militari e partito unico, oltre all’incarceramento degli oppositori, “rivoluzione modernista” e tecnocratica (inizialmente) laica sono stati tra gli strumenti principali di tale processo.

Dopo la crisi petrolifera degli anni ’70 e l’inizio del processo di globalizzazione gli stati erano comunque ancora autoritari, clientelari e inefficaci nel distribuire la ricchezza interna in modo più equo; l’insoddisfazione e la protesta sono state raccolte da movimenti di base come le antiche confraternite e relativamente nuovi soggetti tra cui i Fratelli Musulmani che erano da tempo i più presenti e conosciuti. I leader autoritari, in ogni caso appoggiati dall’Occidente o dalla Russia perché mantenevano la “stabilità”, con la loro repressione non sono riusciti comunque a ridurre il consenso ai movimenti sociali islamici, ma hanno favorito anche la crescita di gruppi che non vedevano altra via dell’azione violenta per il cambiamento e per l’affermazione dell’islam come pratica politica istituzionale.

L’appoggio a gruppi combattenti religiosi contro i russi in Afghanistan (da cui è nato Bin Laden e poi al Qaeda), l’intervento militare sempre in Afghanistan e poi lo sconsiderato intervento contro l’Iraq di Saddam Hussein dopo averlo sostenuto con armi e soldi nella guerra contro l’Iran, la ripetizione dell’errore con il sostegno ad alcuni gruppi ribelli in Siria hanno provocato la proliferazione dei gruppi violenti cosiddetti salafiti e la crescita del ruolo di alcuni attori locali quali Turchia e Qatar (a sostegno dei Fratelli Musulmani) e dell’Arabia Saudita (a sostegno dei salafiti). L’esperienza del presidente Morsi in Egitto ha evidenziato la disponibilità della Fratellanza a partecipare alle elezioni (anche perché tendenzialmente le vince) oltre alla incapacità di gestire uno stato; passare da gruppo represso politicamente e auto-organizzato socialmente alla base alla gestione efficace di uno stato necessità tempo per imparare. Lo slogan “l’islam è la risposta” ossessivamente dichiarato “prima”, alla prova dei fatti ha mostrato tutta la sua genericità e l’incapacità dei suoi leader.

Una volta innescate e favorite le dinamiche combattenti i leader degli stati che vorrebbero essere egemoni tendono a dimenticare le lezioni passate (come il caso Bin Laden) e che i soggetti combattenti (o qualcuno di essi) cominciano a decidere autonomamente obiettivi, strategie e modalità di comunicazione grazie al fatto che il sistema mediatico mondiale è sempre più sensazionalistico e contribuisce a rafforzare e a ingigantire la forza e l’importanza dei cosiddetti “terroristi”.

L’ISIS-DAESH si inserisce in questo quadro come esito della dinamiche evidenziate. Il suo riferimento  iconografico (cioè ideale-culturale) dichiarato è arabo-sunnita e rimanda agli inizi dell’islam, inteso come periodo della purezza teologica e della pratica religiosa, e non a caso il leader si è autoproclamato califfo con il nome di Abu Bakr, primo califfo alla morte del profeta, suo amico e compagno dalla prima ora. L’interpretazione dell’islam affermata dal cosiddetto califfo è molto semplificata e parziale, ma siccome si rivolge prevalentemente a giovani maschi impreparati sia culturalmente che teologicamente che si muovono per spinte più psicologiche personali che per altro, l’effetto di giustificazione religiosa di ogni nefandezza compiuta funziona con molta efficacia.

Il tipo di soggetti geopolitici a-statali come il califfato, e Boko Haram in Nigeria per esempio, saranno sempre più presenti e difficili da combattere perché la flessibilità/mobilità (molto sui pick-up) sono la loro arma migliore, difficile da contrastare sia da bombardamenti aerei che da un esercito di terra. Per combatterli sul terreno ci vogliono un esercito organizzato o delle milizie determinate, e costanti nell’azione di contenimento e contrattacco; l’appoggio aereo è di grande aiuto, ma non sufficiente da solo a vincere un soggetto flessibile come Daesh.

Dal punto di vista territoriale il califfato è giunto alla sua massima estensione nel 2016; la sua retorica iconografica può trovare terreno fertile in ambito arabo-sunnita, ma l’Iraq e la Siria, che sono la rivendicazione ufficiale territoriale iniziale, non sono “tutti sunniti” e sono circondati da gruppi umani e stati con altre iconografie anche se si tratta sempre di un ambito musulmano. Ma le differenze sia nazionali che di “etnicità” sono più forti del richiamo al califfato.

A est c’è l’Iran sciita che si è attivato per combattere Daesh sul terreno e per difendere la sua zona di alleanze presidiata dagli alauiti (minoranza musulmana, mezzi sciiti) guidati dal clan Assad; e anche per avvicinarsi ad Israele nel “gioco” delle reciproche minacce.0

A est e nord-est ci sono i curdi sunniti, ma che lottano per avere un loro stato o l’autonomia da decenni (contro i quattro stati in cui sono stati divisi nel 1923), e che grazie alla guerra civile in Siria, combattendo molto efficacemente contro Daesh, sono riusciti non solo a liberare il proprio territorio, ma anche a occuparne e gestirne quasi il doppio. Dal confine con la Turchia a nord al fiume Eufrate a sud-ovest (perfino oltre il fiume in alcuni punti), nel Rojava (occidente, in curdo) hanno messo in pratica la proposta politica di Őcalan (dal 2011) del Confederalismo Democratico; sono l’unico gruppo in tutto il Medio Oriente (fino al Pakistan) che fa una proposta politico-istituzionale laica e “modernista” più ancora “esagerata” della Confederazione svizzera.

A nord c’è la Turchia, sunnita (ma con rilevante presenza alevita, una derivazione sciita) ma che si sente diversa e migliore per l’eredità storica dell’impero ottomano, contro cui gli arabi, “traditori”, hanno combattuto in alleanza con gli infedeli inglesi e francesi. Una Turchia gestita in maniera sempre più autoritaria dal leader musulmano sunnita Erdohan che vede come un estremo pericolo politico la realtà del Rojava curdo-arabo; un pericolo democratico che cerca di presentare invece come terrorismo per giustificare l’entrata a due riprese dell’esercito turco nel nord-ovest della Siria. Nel 2016 nella zona di Jarablus e nel 2018 nel cantone curdo di Afrin. Bombarda solo ogni tanto il Rojava perché la presenza di militari statunitensi e francesi (suoi alleati nella NATO) rappresenta un deterrente.

A ovest, oltre al Libano che ha una realtà socio-identitaria articolata e in difficile equilibrio tra musulmani (sciiti e sunniti), cristiani (maroniti e ortodossi) e drusi, c’è Israele che certo è refrattario (come pure i suoi cittadini arabi-israeliani) al richiamo del califfo. Una qualche disponibilità di ascolto potrebbe esserci tra i palestinesi, vista la sistematica strisciante apartheid attuata da Israele nella West Bank e verso il “campo di concentramento” di Gaza, ma la recente cosiddetta “Intifada dei coltelli” si presenta con modalità e parole d’ordine ben diverse da quelle di Abu Bakr al Baghdadi.

Verso sud c’è la Giordania, inizialmente neutrale, ma dopo l’uccisione del suo pilota catturato e propagandisticamente “bruciato” in una gabbia, ha innescato la voglia di vendetta della sua parte tribale-beduina della popolazione. Infine c’è l’Arabia Saudita, che dopo aver finanziato i gruppi salafiti in Siria (tra cui anche Daesh) e aver atteso di vedere gli sviluppi sul terreno dell’offensiva dell’ISIS-Daesh, nel momento in cui al Baghdadi rivendica di essere il califfo si mette in diretta concorrenza, inaccettabile, con chi custodisce i luoghi sacri dell’islam e pretende che l’interpretazione wahhabbita, che sostiene da decenni con soldi, imam e moschee, sia la migliore e l’unica vera.

Territorialmente Daesh è ridotto a poche sacche di irriducibili (o che sono in trappola), pur avendo provocato e potendo provocare ancora danni e soprattutto sofferenze e morti alle persone nelle zone che controlla.

Dove risulta ancora potenzialmente pericoloso sarà nel sollecitare nel mondo islamico e nei paesi occidentali l’azione violenta e eclatante individuale o di piccoli gruppi: le società tecnologiche sono fragili e soprattutto deboli sul piano delle emozioni che sempre di più sono ostaggio di un sistema mediatico che ha fatto della sensazionalità, della paura e della superficialità informativa la cifra prevalente della propria azione e dei propri contenuti. In questo Daesh e chiunque si ponga su questo piano della comunicazione vince o appare più forte di quello che è in realtà. Questo in aggiunta alla tendenza degli stati democratici a diventare sempre più Security States, come sono stati definiti, cioè stati che riducono gli spazi di protagonismo politico dei cittadini al di fuori delle elezioni, aumentano i controlli sulla vita sociale e individuale dei cittadini, legiferano norme restrittive che trasferiscono sempre più poteri esecutivi-operativi agli organi dello stato (in divisa e segreti) riducendo la trasparenza sui modi di agire per ragioni “di sicurezza”.

The study-cases : Ukraine-Crimea, Libya, Syria-Daesh-Kurds. (original text April 2016, part of the article “Always too late. The Iconographies of the so-called international community limiting the tools for solving the geopolitical crisis”, published by the Turkish Journal of Security Studies). Current revision March 2018.

In the case of Ukraine the main change was about the meaning of the borders not their change. When the USSR still existed the “proletarian brotherhood” was a pretended Iconography, false but efficient in making the function of the borders among “brother” countries irrelevant. In fact it was the dominance of the socialist Russian state and the Communist Party  which drove that irrelevance. One of the secondary consequence of that dominance was the spread of Russian-speaking people in all the 15 Socialist Republics. With a special situation of Ukraine, considering its historical legacy and dynamics: Russia considers itself as the heir of the so-called Rus of Kiev; eventually Ukraine was formally joined to the Russian empire since more than three centuries, so that the communist leader Khrushchev was able to “donate” Crimea to Ukraine in order to remind it without any kind of changes in the economic and social dynamics in the interested areas.

But after the collapse of the URSS the Iconography of all the socialist countries changed dramatically and the concepts of sovereignty and territorial integrity took a completely different meaning. And the presence of Russian-speaking people moved from the dominant and sometimes privileged position to the one of a minority, even if sizeable in some case.

This is the specific case of Ukraine, but everywhere in Europe and in the European Union there are similar situations; in the past they were managed sometimes peacefully, sometimes not, but the EU policy was and consists in funding the cross-borders cooperation along almost all the internal borders of the EU states and giving money to the less developed parts of the Union. Even if not all the problems are completely solved the EU way to solve those dynamics is clear: economic cooperation without changing the borders and support local autonomies also trough cross-border cooperation. Why not in Ukraine? Because all the former socialist countries moved from the internationalist iconography to the nationalist one and in the new symbolism and narratives borders, territorial integrity, sovereignty are the pivotal, undisputable points of reference.

So the case of Crimea and the case of Eastern Ukraine (inhabited by a majority of Russian-speaking people) have been managed according to the nationalism/iconography and  not according to cooperation also by Germany (Merkel) and France (Hollande) leaders, who took a (self-elected) negotiating role with Russia and Ukraine. Within this impeding conceptual frame the dynamics of Crimea (fast managed, already Russian military presence in Sevastopol, referendum, annexation to Russia) got a peaceful result while the Eastern Ukraine dynamics (slowly managed, with rolling symbolic declarations by the opposite political leaders,  asymmetric presence of military forces on the ground thus Russian “hidden” help to the secessionist forces) fell in an armed conflict.

The situation (March 2018) still remains stable at a low conflict level (which but provoked about 10.000 victims on both sides and about 2 million of displaced people), despite two agreements signed Minsk 1 and Minsk 2 (September 2016).

Simple solution: dismiss the “territorial integrity” iconography: the human rights must be granted regardless of the juridical status of the territory where the individual is; see the article 2 of the Declarations of the Universal Human Rights.  The annexation of Crimea is acceptable; the “separatist” areas of Luhanks and Donetsk (along the current conflict lines as temporary administrative borders) should be autonomous recognized parts of Ukraine (the juridical structure of the Italian Sud Tirol – Alto Adige province could be a good example for the future status).

 

Libya was a case for a “perfect war” (Eva 2011). Geographically the territory is mainly desert, non so much inhabited, a state established in 1950-51 by a (English) colonial approach, with the two main inhabited areas, Tripolitania and Benghazi, traditionally separated and often in reciprocal opposition and separated also by hundreds of kilometers of an almost arid area, little inhabited only along the strip along the coast, with the gas-oil wells and facilities mainly divided in two parts between East and West. With this socio-geographical structure when the rebellion against Gaddafi aroused in Cyrenaica and the UN Council declared the no-fly zone the more useful and practical way to stop the fights would be to separate the combatant parts and to have for a while two, maybe three Libya: Tripoli (with Gaddafi), Benghazi (guided by Senussi tribes), maybe Fezzan, controlled by Tuareg and Toubu tribes. For giving time to negotiate.

But the ideological discourse of the leaders of the major powers and the narratives of the mass media supporting the “unity” and the “territorial integrity” of the Libyan state drove the local dynamics to a blind support (by France, UK and USA) to all the militias fighting against Gaddafi until his physical elimination. With the result to have now (in 2016) many, many Libyas: the one of the moderate Islamic government in Tripoli in the West, the one of Tobruk in the East recognized by the major powers but without an efficient territorial control of the surrounding areas, then the many local militias (more or less Islamic) in Zintan, Misurata and many others cities, finally the traditional  tribal militias in the Fezzan. The final growing force of the Daesh-affiliated militias signs the concrete failure of the managing of the dynamics by the so-called international community (i.e. the major powers). And now the growing presence of Daesh is the official reason for a announced military intervention  again in Libya. Currently (March 208) the situation changed a lot formally but only a bit geographically: in Tripoli there is an international recognized government which got a unstable agreement with part of the Muslim Brotherhood leaders and militias (Misurata, Zintan, Sabrata and minors), in Benghazi the general Haftar (supported by Russia, Turkey and Egypt) is the main leader and controller of the eastern troubled area. The internal tribes and municipalities were included in the Italian program for ameliorating the border controls towards Niger and Burkina in order to stop/reduce the migration pressure; Italy is offering economic funds for the local communities needs trying to be more attractive than gaining money by the migration flows.

I defined in 2011 the dynamics in Libya a “perfect war” because the geographical conditions were and still are “perfect” for a more useful and practical, even if temporary, partition solution in order to give time for negotiating a political exit. Is it better a partition with less casualties and with peaceful perspectives or an ideological “integrity” difficult to realize on the ground and at the cost of deaths and destructions as it is now the situation in Libya?  Theoretic question: in the spring of 2016 the only iconographic idea for reaching the “stabilization” of Libya (i.e. to try to restore the territorial integrity) is a limited military intervention by the same leading powers of spring 2011; but rumors said that the special forces of France, UK and USA were secretly already in action in Libya and the USA didn’t hesitate at the end of February 2016 to bomb a coastal city in order to kill a Daesh leader: isn’t it a clear violation of the sovereignty and territorial integrity of the state of Libya, a violation of the so-called international legality? This is the usual praxis in the hierarchical, real World Order: interpreting and/or forcing the rules by the powers or by the proxy states.

 

A similar dynamics initially happened in Syria. But the grave mistake was the expectation that the regime of Bashar al Assad could collapse rapidly. A simple socio-geographical analysis would allow to understand the many differences with Libya. There was more than the double of population than in Libya with a different distribution of the internal human groups, sometimes mixed and sometimes not, with different characters according to religion (Sunni, Shiite-Alawites, Christians and Yazides etc.) and language (Arabs and Kurds, some Turks), and a not irrelevant presence of Palestinian refugees. An unbalanced distribution of the population with the majority in the West and mostly of the Kurds in the North and North-East. A common sense of belonging to Syria by the inhabitants depending from the historical legacy of Damascus (capital of some institution since more than 2500 years, says a touristic slogan), Aleppo, Homs, Hama, Bosra, Palmyra and the surrounding areas witnessed by the huge presence of historical or religious sites; and also thanks to the regime for some group like the Christians who felt themselves like the more protected Christian group in the Middle East. Finally the strong link with Russia, one of the main world power, witnessed by the presence of the military and naval base in Tartus.

Instead to do an immediate pressure on the regime for pushing/forcing it to discuss and negotiate with the protesting (more or less spontaneous) political groups, the UN waited  and the major powers in some way secretly supported the rebels. In a different way than in the case of the isolated Libya leader Gaddafi Syria was and still is in the middle of an “hot area” of geopolitical geostrategic interests with many actors: Western countries, Turkey, Israel, Saudi Arabia and the Emirates, Egypt on one side and the Lebanese Hezbollah, Iran on the other side. In addition there are the Kurds claims by now linked with the Iraq internal dynamics after the previous “grave mistake” in managing the post-Saddam-Hussein-defeat situation.

This is not the place where covering the series of facts in Syria since 2011 but it’s possible to underline that also in this case the ideological-iconographic goal to defeat the Assad regime maintaining the territorial integrity and the unity of the state and the external multiple and contrasting “national” interests had as result the current fragmentation of Syria, the terrible conditions of the majority of Syrians (about 7-8 million displaced internally and more than 5 million sheltered abroad). Finally the surge and consolidation of Daesh-IS as a new kind of combatant subject with a mixed combination of iconographic-territorial-psychological message and attraction.

After the Afghanistan and Iraq military interventions the USA and the Western countries don’t want anymore to put “the boots on the ground”, as it is said in the media. So on the ground the best combatant forces are the Kurd Peshmerga in Iraq and the Kurd YPG in Rojava, the Shiites militias of Hezbollah, the Daesh fighters. Each of them with different political and geographical goals: territorial for the Kurds, political for the Shiites, mainly ideological-iconographic for Daesh.

Despite the formal declarations of the self-appointed caliph Abu Bakr al Baghdadi ISIS-ISIL-DAESH, now self-declared Islamic State, was conceptually and geographically  locked in its territorial ambiguity: there were, in my opinion since the beginning,  limited possibilities of local territorial expansion by war and also by the Islamic iconographies. Daesh hadn’t  sufficient forces (in the sense of human beings) for prevail militarily; money can’t buy the victory. Also because on the concrete ground there are surrounding adverse iconographies against the caliphate vision: Turkish people are Sunni, but not along the rigid view of Daesh, Kurds are Sunni but they have more political-territorial claims,  Iran and Iraqi population in the South are Shiites, Saudi Arabia for sure won’t give up with its pretended guiding role of the Sunni Umma being the guardian of the Holy Sites of Mecca and Medina and the main supporters of the Wahhabi Islam and finally Jordan and Israel have nothing good to expect from the caliphate.

So the Islamic State couldn’t hope to have eventually any territory. But it has demonstrated the psycho-physical dimension of a successful brand via barbaric videos and a very smart use of the weak spot of the Western media system: foreign fighters coming from abroad also from Western countries, affiliation of self-declared Islamic groups in Libya, Mali, Nigeria, Somalia etc., bomb-cars and “kamikaze-martyrs”. Thus Daesh can only get an a-territorial (and psychological motivated) individual terrorism as “successful” action (in Europe or elsewhere), but terror doesn’t drive to victory as evidence that  “terrorism  is the continuation of the political desperation with other means” (Graziano, 2014).

Since the direct Russian intervention (September 2015) no-one of the fighters on the ground was able to win and still now no-one could imagine to conquer the entire surface of Syria in order to get “stability” through the “territorial integrity” of a unique state. According to Mearsheimer (2001) that only the presence of the army on the ground grants the control of the territory not by chance the always-too-late current diplomatic action of the major powers and UN tries to get an almost stable ceasefire dealing with the forces concretely on the ground with the exception of al Nusra and Daesh, considered as iconographic enemies.

But a ceasefire implies the recognition and the substantial stabilization of the conquered terrain; i.e. giving way to imagine a fragmentation of Syria, maybe not only for humanitarian goals (primarily stopping the huge migration pressure in Europe!), but also for a future political structure. That’s why Turkey is against the general frame of the ceasefire, accusing Russia and bombing along the border the Kurdish YPG, accused to be allied with Assad, supporter of PKK and also terrorist like Daesh. The danger from the Turkish point of view, it seems to me, is not the existence of a second Kurdish area after the one in Iraq, with which Turkey has good relations, but the supposed/perceived danger that YPG could pursue with PKK  the formation of a bigger Kurdish state joining the Syrian and the Turkish areas where Kurds are the majority of the population.

The cited EU solution (economic support) and negotiations can be more useful that fighting a terrorist war from both sides. It was useful in Italy, after the WWII, for solving the issue of the German speaking minority in the Northern province of Alto Adige – Süd Tirol after about two decades of bombs and attacks. Economic support (more than in the rest of Italy), official bilingualism, a major role in the local institutions for the Süd-Tiroler Volks-Partei (Popular Party of South-Tirol) after multi-parties elections, allowed not to change the border between Italy and Austria, to avoid violent rebellion and to make the province as one of the rich in the country. Of course the local and national leader have to accept a sort of “forgetting the past” in order to build the future for the new generations. Considering the official declaration of the jailed leader of the PKK, Abdullah Ocalan: “The Democratic Confederalism in Kurdistan is an anti-nationalist movement.  Its aiml is [… omissis…] the pursuing of democracy in all parts of Kurdistan without questioning the existing political borders. Its goal is not the foundation of a Kurd nation-state.” (Ocalan, 2011), and the ones of the leaders of Rojava and YPG (and their democratic structure) it seems to me that this kind of proposal could be acceptable by Kurds, but it seems to me also that the current Turkish political leadership is still too much inside the caging mental iconography of a rigid typology of sovereignty. Actually the first limited “invasion” by Turkey in 2016 in the Northern Syria area close to Jarablus, controlled by Daesh allies, was a warning (its goal was to keep separated the Kurdish areas of Rojava, in the East, from the Afrin canton in the West. Erdohan has no problem with the Islamist, but the Kurds, all the Kurds, are “terrorist”. Finally Turkey attacked the Afrin canton the 20th January 2018 with the theoretical excuse to fight/eliminate the “terrorists” of YPG: for what it’s worth Afrin is Syria and the always cited by leaders and mass media “international legality” strongly prohibits invasion by the army of a bordering state. But Russia on Turkish side and USA on Kurds side said to be moderate, Bashar Assad protested but opted to attack the Ghouta area close to Damascus, the Islamist militias caged in the Idlib bordering area of Afrin took the opportunity to fight again, protected and used by Turkey, the “infidels”: i.e. the Kurds, Sunni but not with the personal and very extreme interpretation of Daesh, al Nusra and similar. The so-called “international community” seems to have nothing to say.

The crude lesson of what happens on the ground in Syria-Iraq (and Libya) seems not yet sufficient for decreasing the theoretical iconographies still present in the mind of the decision makers: “sovereignty”, “territorial integrity” etc.. Unfortunately this blindness is paid by millions of innocent people.

Also in the case of Syria stabilizing autonomous areas, without changing the state borders, putting separation forces by the troops of USA and Russia (under the UN umbrella), and give money and time for the reconstruction could be the best exit strategy. But the Icon of the “national interests” should be damned.